Via D'Amelio, a Palermo, dov'è stato ucciso Paolo Borsellino. (Antoine Gyori, Sygma/Corbis)
  • 19 Lug 2013 10.46

La strage di via d’Amelio

Il 19 luglio 1992 un’autobomba uccideva a Palermo il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta: Walter Eddie Cosina, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Claudio Traina e Vincenzo Li Muli. Un sesto agente, Antonino Vullo, rimase ferito.

Insieme a Giovanni Falcone, ucciso il 23 maggio dello stesso anno, Borsellino era stato uno dei magistrati del pool antimafia.