La discoteca Divina a Caraglio, Cuneo. (Antonio La Grotta)
  • 08 Ott 2014 16.18

Il paradiso delle discoteche

08 ottobre 2014 16:18

Tra gli anni ottanta e i primi novanta le periferie italiane hanno ospitato enormi discoteche che sono state al centro della vita mondana.

Nate nel periodo del boom economico, erano ispirate al lusso e al divertimento e arredate con statue greche, finto marmo e sale futuristiche. Ma quando verso la metà degli anni novanta il centro delle città ha cominciato a riempirsi di piccoli bar e locali che proponevano concerti dal vivo e dj set, questi grandi spazi hanno perso ogni attrattiva.

Il progetto Paradise discotheque del fotografo torinese Antonio La Grotta (1971) ritrae alcuni di questi spazi, un tempo protagonisti della scena notturna italiana e oggi quasi completamente abbandonati e distrutti, o diventati rifugio per i senza fissa dimora.

Quasi tutte le discoteche fotografate da La Grotta sono state costruite negli anni ottanta, a eccezione del Woodpecker sorto negli anni sessanta su un progetto dell’architetto Filippo Monti.

pubblicità

Da non perdere

In Piemonte l’accoglienza dei migranti passa dall’agricoltura
Per cambiare personalità basta la spinta giusta
In Russia Putin sta perdendo il sostegno della classe media

In primo piano