White and black, 1990. (Irving Penn, The Irving Penn foundation)
  • 07 Gen 2016 18.10

La bellezza secondo Irving Penn

07 gennaio 2016 18:10

Irving Penn (1917-2009) è stato uno dei ritrattisti fondamentali nella storia della fotografia. Lo Smithsonian american art museum di Washington gli dedica una grande retrospettiva per celebrarne l’eredità come maestro del novecento e offrire una visione completa della sua opera.

Irving Penn: beyond beauty comprende la street photography degli anni trenta e la serie American south degli anni quaranta, arrivando poi agli scatti che l’hanno reso famoso: i ritratti di moda e ai protagonisti della cultura del secolo scorso come Salvador Dali e Truman Capote.

Betsy Broun, direttrice del museo, afferma che “l’arte di Irving Penn porta a scoperte estetiche che trascendono la vita quotidiana attraverso emozioni improvvise”.

In settant’anni di carriera Penn ha esercitato la sua maestria nel bianco e nero come nel colore ed è riuscito a dare il meglio di sé sia nei progetti commerciali sia in quelli artistici, diventando uno dei primi fotografi andati oltre la barriera che separava la fotografia editoriale e la fine-art. I ritratti e le foto di moda degli anni cinquanta hanno definito l’idea di eleganza di quel periodo e hanno trasformato la rappresentazione di oggetti quotidiani in immagini rivelatrici di una bellezza inaspettata, a volte surreale.

La mostra sarà aperta fino al 20 marzo 2016.

pubblicità

Da non perdere

Viaggio. La nuova copertina di Internazionale
Salviamo le Dolomiti dall’assedio delle auto
I Pet Shop Boys: disco, pop e politica al Covent Garden

In primo piano