Una donna musulmana nel centro sanitario gestito dal Ccm (Comitato collaborazione medica), nel villaggio di Anole, nella regione di Oromia. In Etiopia ci sono oltre 25 milioni di musulmani; l’Islam è la seconda religione nel paese dopo il cristianesimo. La maggior parte dei musulmani sono di origine sunnita. (Francesco Cocco)
  • 16 Mar 2016 13.07

La lotta dell’Etiopia contro l’aids

16 marzo 2016 13:07

In Etiopia negli ultimi anni sono stati fatti molti passi in avanti nella lotta alla diffusione del virus dell’hiv, ma i passi ancora da fare sono molti. Tra il 2009 e il 2013 i nuovi casi di hiv si sono ridotti del 57 per cento, grazie a maggiori investimenti nella creazione di ospedali e di centri di cura, nella formazione degli operatori sanitari e nella diffusione delle informazioni per la cura della malattia che hanno portato sempre più persone a ricorrere agli ospedali. Ma si stima che ci siano ancora 800mila persone affette da hiv e la malattia rappresenta la seconda causa di morte nel paese.

Il fotografo Francesco Cocco è andato in Etiopia dal 10 al 16 febbraio insieme all’associazione Aidos, nell’ambito del progetto Increasing Italy’s commitment to the Global fund to fight aids dell’Osservatorio aids.

pubblicità

Da non perdere

Il sogno di Mario De Biasi
Una cura omeopatica per chi è allergico alle dediche
Un sampietrino contro il carro armato della Fiat

In primo piano