Senza titolo. (Karen Knorr e Olivier Richon)
  • 18 Mar 2016 17.26

Alle radici del punk

18 marzo 2016 17:26

Lo sguardo rivolto a un periodo preciso, quello tra il 1976 e il 1977; a un luogo, Londra; e a locali storici come il Roxy di Covent Garden e il Global Village di Charing Cross. Si tratta della scena punk emergente, al centro delle foto scattate da Karen Knorr e Olivier Richon, in mostra alla galleria Matèria di Roma fino al 28 aprile. Accanto a queste, l’esposizione ospita le immagini scattate nel decennio successivo a Essen, in Germania, da Andreas Weinand.

Knorr e Richon hanno scattato le loro foto mentre erano ancora degli studenti universitari, condividevano molto con i soggetti che ritraevano e cercavano un confronto diretto con loro. Nelle loro immagini “affermano dichiaratamente la loro presenza con un approccio esplicito e formale, non celato, dove ambientazioni statiche e pose ricercate sono gelate in un infinito istante dall’uso del flash”, spiegano i curatori. Tra le persone che hanno ritratto, oltre a protagonisti della scena musicale come Ari Up, Laura Logic, Palmolive, Poly Styrene e Siouxsie Sioux, ci sono soprattutto giovani fan che assistono ai concerti e momenti della loro vita notturna.

La seconda parte della mostra è invece uno sguardo più intimo sulla ribellione adolescenziale ambientata a Essen, in Germania, tra il 1988 e il 1990. I giovani di Weinand sono ritratti durante i loro rituali di gruppo: festeggiano, litigano, bevono o dormono. Weinand rivela come in un diario “i codici autodistruttivi, dissacratori, irrequieti e impulsivi, trasmettendo l’eccitazione incendiaria e profetica di giovani liberi e vitali”, raccontano ancora i curatori.

pubblicità

Da non perdere

La nuova copertina di Internazionale
Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco
Storia del concentrato di pomodoro prodotto in Cina

In primo piano