Scutari, Albania, 19 marzo 1914. (Kel Marubi)

L’Albania in un archivio di famiglia

12 maggio 2017 17:54

Secondo l’antropologo e sociologo francese Gustave Le Bon, l’aspetto più interessante di un raduno di massa consiste nel coinvolgimento dell’individuo in una causa comune. Per un momento, le differenze culturali, politiche e sociali si azzerano.

Da questa considerazione è partita l’idea della mostra Long live, al museo Marubi di Scutari, in Albania. Per la mostra sono state selezionate le immagini scattate tra gli anni trenta e gli anni quaranta dai fotografi albanesi Geg e Kel Marubi, che ripercorrono una parte della storia del paese, dal punto di vista sociale e politico.

L’esposizione, curata dall’artista Blerta Hoçia, durerà fino al 23 settembre 2017. Il museo di Scutari, che ha aperto nel maggio del 2016, conserva l’archivio della famiglia Marubi, composto da più di 400mila rullini.

pubblicità

Articolo successivo

Il Brasile contro il presidente