• 05 Dic 2016 13.22

Come gestire il successo e l’insuccesso

Annamaria Testa
05 dicembre 2016 13:22

“È come una sfida a ramino. Puoi vincere o perdere, ma quel che conta è la partita”, dice Dario Fo poco prima di morire. Un bel congedo, da parte di uno che ha sempre giocato le sue carte vincendo e perdendo, e restando capace di riderci sopra.

Individui, squadre, partiti politici, imprese: a tutti capita di vincere o perdere. Si vince e si esulta o si perde e ci si dispera (o si recrimina), ma le cose non sono mai semplici come appaiono: una vittoria può anche anticipare un’ulteriore e più drammatica sconfitta, e una sconfitta può essere il primo passo verso una vittoria futura, ancora più luminosa. Quindi converrebbe sempre, come diceva mia nonna, “stare schisci”.

Ma è più facile vincere o perdere? Mentre spedisco questo articolo, alle 22.50 di domenica 4 dicembre, non conosco ancora i risultati del referendum. Mentre leggete, voi li sapete già. Questa asimmetria informativa permette a me di trattare l’argomento senza retropensieri.

La simpatia per il perdente
E permette a voi, da qualsiasi parte siano andati il vostro cuore e il vostro voto, di leggervi questo testo, che può tornare utile per queste o per le prossime vittorie e sconfitte, senza dover pensare che quando scrivo vittoria o sconfitta, o successo e insuccesso, mi riferisco a Renzi, Grillo, o Berlusconi.

Abbiamo un’ossessione per i vincenti, scrive Psychology Today.

Il sistema dei mezzi d’informazione la rinforza: chi vince è di norma più visibile di chi perde, e la visibilità è una conquista ulteriore perché conferisce, nell’immediato, ancora più potere. Nella cultura giapponese tradizionale, invece, anche la sconfitta può essere nobile e affascinante, ed esiste una parola bellissima, hoganbiiki, che indica la “simpatia per il perdente”.

Le migliori storie di successo spesso cominciano con un fallimento

Sbaglierò, ma a me sembra che nei concetti stessi di “vincente” e di “perdente” ci sia una componente sgradevole. E un pizzico di ignoranza delle cose del mondo.

E poi, perfino prendendo per buono il significato positivo dei due termini, non è per niente detto che chi vince una singola volta sia per definizione un vincente, e che chi perde sia in permanenza un perdente. Il modo e l’entità della vittoria o della sconfitta contano. Soprattutto conta, e moltissimo, quel che succede dopo. Per questo non sto scrivendo di vincenti e di perdenti ma di vittoria e di sconfitta, e dei problemi che con entrambe sono connessi.

Cominciamo con la vittoria e il successo. Il primo punto è tanto semplice quanto controintuitivo: vincere può anche essere terrorizzante o deprimente. Il secondo punto, invece, è ampiamente noto: nelle scienze, nelle arti, negli affari e perfino in politica, le migliori storie di successo spesso – lo ricorda Business Insider – cominciano con un fallimento.

Il successo rende miopi
Il terzo punto dovrebbe aiutare a “stare schisci”. Nella vittoria e nel successo c’è, lo scrive l’Atlantic, una componente di fortuna che molti tendono a sottovalutare per via dell’hindsight bias, il senno di poi, che ci fa ritenere che tutto quanto effettivamente capita fosse prevedibile e necessario, mentre non è così.

Tra l’altro, proprio le persone di maggior successo tendono a sottostimare la propria fortuna. Se solo se ne rendessero conto, sarebbero più generose e meno arroganti (e il loro successo sarebbe più duraturo). O sarebbero meno dubbiose e più grate (e si eviterebbero i tormenti connessi con la sindrome dell’impostore).

Eccoci al quarto punto, che vi rimanda a un bell’articolo di Time: il successo può rendere miopi. E, soprattutto, rende obsoleto il comportamento grazie al quale il successo medesimo è stato conseguito. Quindi, a chi vince tocca cambiare il proprio modo di essere e di fare, forse ancor più che a chi perde: vincere è solo l’inizio di una nuova storia, da raccontare in modi nuovi. Non è la lieta e permanente fine della storia.

Il fallimento è una schifezza, ma è istruttivo. A patto che non ci si ostini a ripetere gli stessi errori

A proposito di sconfitta e fallimento. Non raccontiamoci frottole: perdere è doloroso, favorisce l’aggressività, diminuisce l’autostima e la fiducia. E, poiché non siamo in Giappone, chi perde è anche spesso oggetto di scherno più che di simpatia.
Tuttavia “failure sucks, but instructs”, scrive in modo insolitamente colorito la Harvard Business Review: il fallimento è una schifezza, ma è istruttivo. Lo è a patto che non ci si ostini a ripetere gli stessi errori. Lo è (lo dicono diverse ricerche) a patto che siano costruttivamente discussi i motivi del fallimento, e che la discussione porti a costruire modelli mentali più efficaci.

Il dato interessante è che i modelli mentali risultanti dall’elaborazione dell’esperienza del fallimento risultano sempre più ricchi e fertili di quelli connessi con l’esperienza del successo. Dunque, a chi sperimenta una sconfitta, provare a capire che cosa è capitato e come le cose sarebbero potute andare diversamente serve più che incolparsi, o abbandonarsi a una recriminazione sterile.

pubblicità

Da non perdere

La nuova copertina di Internazionale
Perché le ong che salvano vite nel Mediterraneo sono sotto attacco
Storia del concentrato di pomodoro prodotto in Cina

In primo piano