Una manifestazione di ribelli e civili per il quinto anniversario della guerra in Siria, ad Aleppo, il 15 marzo 2016.
  • 16 Mar 2016 12.10

In Siria l’unico accordo che serve è quello tra siriani

16 marzo 2016 12:10

Ufficialmente l’obiettivo del cessate il fuoco entrato in vigore in Siria il 27 febbraio è la distribuzione di aiuti umanitari nelle aree sotto assedio. Sei di queste, più Deir Ezzor, l’area petrolifera controllata dal gruppo Stato islamico (Isis), sono ancora inaccessibili: sono proprio quelle circondate dell’esercito di Bashar al Assad. D’altra parte, che questo non fosse un cessate il fuoco ma la capitolazione dei ribelli è apparso chiaro quando i siriani hanno provato a segnalare le violazioni della tregua telefonando al numero verde attivato dagli Stati Uniti: all’altro capo del filo i centralinisti non parlano arabo.

Ormai quello che accade sul terreno in Siria è irrilevante. E così ora, a sorpresa, al termine dei 15 giorni di prova, Vladimir Putin ha annunciato il ritiro di gran parte del contingente russo. La nostra missione è compiuta, ha dichiarato. Possiamo andare via. Ma la Russia non era intervenuta per sradicare l’Is? Non si era deciso di fermare gli scontri tra Assad e i ribelli per poi, tutti insieme, attaccare l’Is?

Il nemico escluso dall’accordo

Quello siriano è il cessate il fuoco più singolare di sempre. Non solo esclude i bombardamenti, e cioè la principale delle armi, perché sono mesi che la guerra in Siria non è più una guerra di cecchini ma di bombe e missili, ma esclude il Fronte al nusra e altri imprecisati “gruppi terroristici”: praticamente, esclude il nemico. In teoria è vero che il Fronte al nusra è la filiale locale di Al Qaeda, ma in Siria i nomi al momento contano poco, perché è in atto un rimescolamento generale di combattenti e strategie. A essere stato escluso dal cessate il fuoco è sostanzialmente Jaish al fatah, il Fronte della vittoria, la principale forza ribelle rimasta a combattere contro il governo siriano.

Oltre al Fronte al nusra, Jaish al fatah comprende gruppi molto diversi, alcuni laici e altri islamisti – e spesso islamisti, come Ahrar al Sham,la cui interpretazione dell’islam è molto lontana da quello che noi occidentali associamo al termine Al Qaeda. A differenza del Fronte al nusra, che negli ultimi giorni è stato contestato nelle aree controllate dai ribelli, questi gruppi possono contare su un forte sostegno popolare. E hanno ben chiara una cosa: se rispetteranno la tregua nelle prossime settimane sarà solo per riorganizzarsi, non per arrendersi. E in fondo perché dovrebbero arrendersi? Negli ultimi mesi chi si è fidato dei cessate il fuoco locali offerti da Assad ed è tornato a Homs o a Damasco è sparito nel nulla. Per i combattenti l’alternativa alla guerra è la morte. Perché mai dovrebbero arrendersi?

Una tregua così, senza una reale mediazione, quanto può durare?

Secondo molti diplomatici, l’intesa tra la Russia e gli Stati Uniti che è alla base dei nuovi negoziati di Ginevra è la prima vera speranza di pace dall’inizio della guerra. Ma in Siria non è necessaria un’intesa: è necessaria una mediazione. L’Onu dovrebbe tentare di ottenere concessioni da entrambe le parti. E invece Assad non si è smosso di un millimetro. Al contrario: in un’intervista alla tv tedesca ha dichiarato che la rivoluzione è stata un complotto. Che non è mai esistita. Che nessuno ha mai realmente contestato il suo regime. Dopo cinque anni e 500mila morti, Assad è ancora convinto di non avere responsabilità.

L’unica vera speranza di pace è che i siriani sparsi in Turchia, in Libano, in Germania, i siriani che davanti alla follia dei barili esplosivi e delle teste tagliate hanno scelto di stare dalla parte della ragione e andare via, tornino e costruiscano un’alternativa sia ai ribelli sia ad Assad. Ma perché mai dovrebbero? Nonostante le apparenze, sul terreno non è cambiato niente. Ancora adesso nessuna delle due parti può davvero vincere, perché ognuna sarà sempre abbastanza forte, e non solo al livello militare ma anche politico e sociale, da impedire all’altra di governare e minare la stabilità.

L’equilibrio su cui si fonda questa tregua trova le sue ragioni all’esterno della Siria. Per la Turchia in questo momento la priorità è frenare i curdi, ormai autonomi sia in Iraq sia in Siria, e l’Arabia Saudita è impantanata tra lo Yemen e il crollo del prezzo del petrolio, sua prima fonte di reddito. E mentre i ribelli perdevano i loro principali sostenitori, Assad beneficiava dell’intervento di Putin e soprattutto del disimpegno degli statunitensi, che grazie all’accordo con l’Iran possono smarcarsi dal Medio Oriente: adesso sono amici sia di Riyadh sia di Teheran, e Washington potrà tutelare i propri interessi a prescindere da chiunque prevalga tra sunniti e sciiti.

Ma all’interno della Siria non è cambiato niente. E una tregua così, senza una reale mediazione, che è in realtà l’imposizione della resa al più forte in una guerra in cui il più forte cambia ogni sei mesi, quanto può durare? Prima o poi anche Hezbollah andrà via, non solo la Russia. E Assad tornerà a essere ostaggio delle mille milizie a cui si è affidato mentre il suo regime si sfaldava, e che hanno creato un’economia di guerra e contrabbando che taglia trasversalmente le alleanze, le differenze etniche e religiose, e non ha bisogno di vinti e vincitori. Per Assad ha importanza solo che la mattanza continui.

Cinque anni e cinquecentomila morti: eppure, a poche ore dall’inizio della tregua, i siriani erano già tornati in piazza contro Assad. Perché in Siria i nomi contano poco, e possiamo anche chiamarlo presidente, ma Assad non è che il sindaco di Damasco. L’unica intesa che davvero può chiudere questa guerra non è tra russi e statunitensi, ma tra siriani.

pubblicità

Da non perdere

Bisogna andare oltre l’asilo per superare l’emergenza dei migranti
Non sempre l’algoritmo di Amazon fa risparmiare
Gli sfollati colombiani aspettano la pace

In primo piano