• 29 Gen 2016 19.43

Il nuovo singolo dei Massive Attack e le altre canzoni per il weekend

Giovanni Ansaldo
29 gennaio 2016 19:43

Massive Attack, Take it there
Il 28 gennaio i Massive Attack hanno pubblicato un nuovo ep di quattro brani, intitolato Ritual spirit. Tra gli ospiti ci sono Tricky (che canta in questo brano), gli Young Fathers, Roots Manuva e Azekel. Ritual spirit è stato prodotto da 3D, al secolo Robert Del Naja. Le atmosfere sono cupe come al solito, la qualità, tanto per cambiare, è alta. In primavera uscirà un altro ep prodotto da Daddy G, l’altro membro dei Massive Attack. E poi, probabilmente, le canzoni andranno a finire in un album, come era successo per Heligoland.


Elliott Smith, True love
Sarà finalmente pubblicata a febbraio la colonna sonora del documentario su Elliott Smith, Heaven adores you. Il regista Nickolas Rossi era riuscito ad avere accesso a una decina di registrazioni inedite del cantautore statunitense. Tra queste c’è True love che, come tante altre canzoni di Elliott Smith, è una struggente storia di amore, droga e sofferenza.

Vinicio Capossela, Il pumminale
Il nuovo album di Vinicio Capossela uscirà il 4 marzo. Il disco, un doppio, si intitola Canzoni della cupa ed è stato concepito nel luogo d’origine del cantautore, l’Alta Irpinia. È anticipato dal singolo Il pumminale, un brano ispirato alla leggenda del lupo mannaro della tradizione popolare calitrana. Come ha dichiarato Capossela, la canzone racconta “una delle doppie anime dell’uomo che la cultura popolare – dove più labile era il confine tra Realtà e mondo della Verità – ci ha abituato a conoscere”.


Ben Harper & The Innocent Criminals, Pink balloon
Ben Harper ha deciso di tornare alle origini, richiamando gli Innocent Criminals, la sua vecchia band. Il nuovo disco, Call it what it is, verrà pubblicato l’8 aprile dalla storica etichetta statunitense Stax Records. Il primo singolo, Pink balloon, è costruito su un robusto riff di chitarra registrato ai Village Studios di Santa Monica.

River Whyless, Life crisis
I River Whyless sono una band folk di Asheville, nel North Carolina. In questo nuovo episodio della serie Tiny desk di Npr dimostrano tutta la loro bravura. Agli strumenti tradizionali del genere, aggiungono una macchina da scrivere, un piano giocattolo e un armonium.


pubblicità

Da non perdere

La solitudine di Hillary Clinton. La nuova copertina di Internazionale
Il mondo della logistica gioca al ribasso sui diritti dei lavoratori
L’arte sui muri di Ragusa

In primo piano