• 27 Mar 2016 14.15

La scienza del linguaggio di Noam Chomsky

Giuliano Milani
27 marzo 2016 14:15

Noam Chomsky, La scienza del linguaggio
Il Saggiatore, 435 pagine, 32 euro

Noam Chomsky non è solo un polemista anarchico che da cinquant’anni è il più severo e citato avversario dell’imperialismo statunitense e della sua propaganda. È anche, e soprattutto, la persona che ha cambiato radicalmente il modo in cui si pensa e si studia la natura, la funzione e l’origine del linguaggio.

Nel libro, molto utile per approfondire questo aspetto della sua attività, il filosofo James McGilvray rivolge delle domande alle quali Chomsky risponde esponendo in modo semplice e chiaro gli aspetti fondamentali della sua teoria: l’idea che il linguaggio è una caratteristica umana e in gran parte innata, il fatto che è un oggetto naturale, che in primo luogo ha la funzione di consentirci complesse operazioni mentali, e che solo in seguito, trasmettendosi da un individuo ai suoi discendenti, è stato usato anche per comunicare.

Parte del libro è dedicata alla spiegazione delle regole che Chomsky si è dato per fondare un complesso paradigma scientifico con cui verificare le sue ipotesi e adattare i quadri teorici. Passo dopo passo, domanda dopo domanda, emerge un pensatore coerente e implacabile, con una visione della natura umana che trova infine, tra le sue conseguenze, anche la critica alla guerra e all’ingiustizia dell’assetto internazionale.

Questa rubrica è stata pubblicata il 18 marzo 2016 a pagina 90 di Internazionale, con il titolo “Il linguaggio prima di tutto”. Compra questo numero | Abbonati

pubblicità

Da non perdere

Uguali ma diversi. Le foto di Annette Schreyer
La solitudine di Hillary Clinton. La nuova copertina di Internazionale
Il martirio di Aleppo non si fermerà con le belle parole

In primo piano