Internazionale

venerdì 25 aprile 2014 aggiornato alle 11.06

Opinioni »

Giuliano Milani

Insegna storia medievale alla Sapienza Università di Roma. Ha scritto I comuni italiani (Laterza 2009).

Il destino di ognuno

  • 31 maggio 2012
  • 12.00

Luciano Gallino, La lotta di classe dopo la lotta di classe
Laterza, 222 pagine, 12 euro

Secondo il sociologo Luciano Gallino chi pensa che non abbia più senso parlare di classi sociali si sbaglia. Se, come spiega Max Weber, una classe è una comunità i cui membri condividono un destino fatto di scelte e opportunità di vita, oggi, con il destino di ognuno più segnato che mai, le classi esistono eccome. A mancare, semmai, è la consapevolezza di farne parte e dunque, per chi non è soddisfatto del proprio destino, la capacità di trovare modi e ragioni per provare a cambiarlo. Non per questo la lotta di classe è finita, tutt’altro. A lottare, oggi, è chi vuole difendere la sua posizione sociale e per farlo non esita a ricorrere a ogni mezzo necessario.

Con questo obiettivo una nuova classe ricca e trans­nazionale va smantellando il welfare e le tutele dei lavoratori, si oppone alle riforme che tendono a tassare i redditi finanziari e, diffondendo un’ideologia neoliberale, accompagna gran parte di ciò che chiamiamo “globalizzazione”. Per quanto ogni tanto ci si domandi se la spiegazione fornita sia del tutto esaustiva, il libro ha il merito di fornire una chiave di lettura della realtà ordinando, in modo chiaro e documentato, processi storici diversi, italiani e globali. Leggendolo si è spinti a interrogarsi su quale sia la classe a cui si appartiene, così da cominciare a comportarsi di conseguenza per intervenire, magari insieme ad altri, sul destino che ci attende.

Internazionale, numero 950, 25 maggio 2012

Luciano Gallino, La lotta di classe dopo la lotta di classe
Laterza, 222 pagine, 12 euro

Secondo il sociologo Luciano Gallino chi pensa che non abbia più senso parlare di classi sociali si sbaglia. Se, come spiega Max Weber, una classe è una comunità i cui membri condividono un destino fatto di scelte e opportunità di vita, oggi, con il destino di ognuno più segnato che mai, le classi esistono eccome. A mancare, semmai, è la consapevolezza di farne parte e dunque, per chi non è soddisfatto del proprio destino, la capacità di trovare modi e ragioni per provare a cambiarlo. Non per questo la lotta di classe è finita, tutt’altro. A lottare, oggi, è chi vuole difendere la sua posizione sociale e per farlo non esita a ricorrere a ogni mezzo necessario.

Con questo obiettivo una nuova classe ricca e trans­nazionale va smantellando il welfare e le tutele dei lavoratori, si oppone alle riforme che tendono a tassare i redditi finanziari e, diffondendo un’ideologia neoliberale, accompagna gran parte di ciò che chiamiamo “globalizzazione”. Per quanto ogni tanto ci si domandi se la spiegazione fornita sia del tutto esaustiva, il libro ha il merito di fornire una chiave di lettura della realtà ordinando, in modo chiaro e documentato, processi storici diversi, italiani e globali. Leggendolo si è spinti a interrogarsi su quale sia la classe a cui si appartiene, così da cominciare a comportarsi di conseguenza per intervenire, magari insieme ad altri, sul destino che ci attende.

Internazionale, numero 950, 25 maggio 2012

  1. Precedente
  2. Successivo

Leggi anche

Commenti

In copertina

In nome dei soldi

In nome dei soldi

Sempre più spesso le multinazionali portano in tribunale gli stati. Vogliono leggi che non ostacolino i loro affari o risarcimenti miliardari. E vincono sempre

Articoli di

  1. Ala al Aswani
  2. Tito Boeri
  3. Ferdinando Boero
  4. Michael Braun
  5. Pier Andrea Canei
  6. Manuel Castells
  7. Christian Caujolle
  8. Noam Chomsky
  9. Li Datong
  10. Giovanni De Mauro
  11. Tullio De Mauro
  12. Boubacar Boris Diop
  13. Louise Doughty
  14. Doug Dyment
  15. Goffredo Fofi
  16. John Foot
  17. Keith Gessen
  18. Claudio Giunta
  19. Beppe Grillo
  20. Bernard Guetta
  21. Tim Harford
  22. Amira Hass
  23. Leo Hickman
  24. Christopher Hitchens
  25. Nick Hornby
  26. Jason Horowitz
  27. Will Hutton
  28. Zuhair al Jezairy
  29. Tobias Jones
  30. Eric Jozsef
  31. Alex Kapranos
  32. Paul Kennedy
  33. Rami Khouri
  34. Elias Khoury
  35. Sivan Kotler
  36. Paul Krugman
  37. Gideon Levy
  38. Farhad Manjoo
  39. Lee Marshall
  40. Tomás Eloy Martínez
  41. Giuliano Milani
  42. Wu Ming
  43. Gerhard Mumelter
  44. Loretta Napoleoni
  45. Jonathan Nossiter
  46. Anahad O’Connor
  47. Laurie Penny
  48. Pia Pera
  49. Anna Politkovskaja
  50. Mark Porter
  51. David Randall
  52. Ahmed Rashid
  53. Philippe Ridet
  54. David Rieff
  55. Claudio Rossi Marcelli
  56. Arundhati Roy
  57. Olivier Roy
  58. Milana Runjic
  59. Elif Şafak
  60. Yoani Sánchez
  61. Dan Savage
  62. Andrew Sullivan
  63. James Surowiecki
  64. Annamaria Testa
  65. José I. Torreblanca
  66. Natalia Viana
  67. Juan Villoro
  68. Binyavanga Wainaina
  69. Tony Wheeler
  70. Slavoj Žižek
  71. Giulia Zoli