Internazionale

venerdì 19 settembre 2014 aggiornato alle 23.36

Opinioni »

Tullio De Mauro

È un linguista italiano. Il suo libro più recente è Storia linguistica dell'Italia unita.

Mooc sì, no, forse

  • 26 dicembre 2013
  • 09.00

A proposito di mooc, Toile de l’éducation dell’11 dicembre suggerisce di leggere quel che con molto equilibrio scrive nel suo blog Christophe Pérales, presidente dell’associazione dei bibliotecari francesi. La febbre dei mooc dilaga nel mondo, specie nelle università. Si moltiplicano le piattaforme che offrono corsi gratuiti in rete. A Coursera, Nettuno, France Université si sono aggiunte edX, Udacity, Océan, lanciato in novembre da sei università francesi, canadesi, belghe e svizzere, e si è aggiunta da quest’anno Iversity. All’acronimo mooc, massive on line open courses, i francofoni vogliono affiancare flot, formations en ligne ouvertes à tous, oppure cloms, cours en ligne ouverts et massifs.

Si teorizza la diversità tra x‑moocs (video delle lezioni frontali di un docente) e c-moocs (che mettono in connessione gli studenti in una classe virtuale). Si scontrano gli entusiasti e i contrari. A Pérales potenzialità e fascino paiono indubbi. Ma lo strumento resterà sottoutilizzato se non servirà a favorire le classi “ribaltate”: una didattica che, come già avveniva negli Stati Uniti e nell’Europa del nord, impieghi il tempo non nelle lezioni frontali (che per chi studia sono accessibili in ogni momento in rete), ma nel mettere a frutto lo studio già avvenuto, discutendo, integrando, isolando nodi insoluti, lavorando collaborativamente. Un sogno per la Francia (e non solo). Pérales conclude à la Wittgenstein: non guardiamo allo strumento, guardiamo all’uso che sapremo farne.

Internazionale, numero 1031, 20 dicembre 2013

A proposito di mooc, Toile de l’éducation dell’11 dicembre suggerisce di leggere quel che con molto equilibrio scrive nel suo blog Christophe Pérales, presidente dell’associazione dei bibliotecari francesi. La febbre dei mooc dilaga nel mondo, specie nelle università. Si moltiplicano le piattaforme che offrono corsi gratuiti in rete. A Coursera, Nettuno, France Université si sono aggiunte edX, Udacity, Océan, lanciato in novembre da sei università francesi, canadesi, belghe e svizzere, e si è aggiunta da quest’anno Iversity. All’acronimo mooc, massive on line open courses, i francofoni vogliono affiancare flot, formations en ligne ouvertes à tous, oppure cloms, cours en ligne ouverts et massifs.

Si teorizza la diversità tra x‑moocs (video delle lezioni frontali di un docente) e c-moocs (che mettono in connessione gli studenti in una classe virtuale). Si scontrano gli entusiasti e i contrari. A Pérales potenzialità e fascino paiono indubbi. Ma lo strumento resterà sottoutilizzato se non servirà a favorire le classi “ribaltate”: una didattica che, come già avveniva negli Stati Uniti e nell’Europa del nord, impieghi il tempo non nelle lezioni frontali (che per chi studia sono accessibili in ogni momento in rete), ma nel mettere a frutto lo studio già avvenuto, discutendo, integrando, isolando nodi insoluti, lavorando collaborativamente. Un sogno per la Francia (e non solo). Pérales conclude à la Wittgenstein: non guardiamo allo strumento, guardiamo all’uso che sapremo farne.

Internazionale, numero 1031, 20 dicembre 2013

  1. Precedente
  2. Successivo

Leggi anche

Commenti

In copertina

Tutto quello che non stiamo facendo contro l’ebola

Tutto quello che non stiamo facendo contro l'ebola

Gli articoli del New York Times e di Le Monde.

Articoli di

  1. Ala al Aswani
  2. Tito Boeri
  3. Ferdinando Boero
  4. Michael Braun
  5. Oliver Burkeman
  6. Pier Andrea Canei
  7. Martín Caparrós
  8. Manuel Castells
  9. Christian Caujolle
  10. Noam Chomsky
  11. Li Datong
  12. Giovanni De Mauro
  13. Tullio De Mauro
  14. Boubacar Boris Diop
  15. Louise Doughty
  16. Gwynne Dyer
  17. Doug Dyment
  18. Goffredo Fofi
  19. John Foot
  20. Keith Gessen
  21. Claudio Giunta
  22. Beppe Grillo
  23. Bernard Guetta
  24. Tim Harford
  25. Pierre Haski
  26. Amira Hass
  27. Leo Hickman
  28. Christopher Hitchens
  29. Nick Hornby
  30. Jason Horowitz
  31. Will Hutton
  32. Zuhair al Jezairy
  33. Tobias Jones
  34. Eric Jozsef
  35. Alex Kapranos
  36. Paul Kennedy
  37. Rami Khouri
  38. Elias Khoury
  39. Sivan Kotler
  40. Paul Krugman
  41. Gideon Levy
  42. Farhad Manjoo
  43. Lee Marshall
  44. Tomás Eloy Martínez
  45. Giuliano Milani
  46. Wu Ming
  47. Gerhard Mumelter
  48. Loretta Napoleoni
  49. Jonathan Nossiter
  50. Anahad O’Connor
  51. Laurie Penny
  52. Pia Pera
  53. Anna Politkovskaja
  54. Mark Porter
  55. David Randall
  56. Ahmed Rashid
  57. Philippe Ridet
  58. David Rieff
  59. Claudio Rossi Marcelli
  60. Arundhati Roy
  61. Olivier Roy
  62. Milana Runjic
  63. Elif Şafak
  64. Yoani Sánchez
  65. Dan Savage
  66. Andrew Sullivan
  67. James Surowiecki
  68. Annamaria Testa
  69. José I. Torreblanca
  70. Natalia Viana
  71. Juan Villoro
  72. Binyavanga Wainaina
  73. Tony Wheeler
  74. Slavoj Žižek
  75. Giulia Zoli