• 11 Mar 2016 17.01

Un compromesso divertente nelle storie a distanza

Dan Savage
11 marzo 2016 17:01

Sono un maschio etero di 23 anni con l’abitudine di intraprendere storie a distanza che diventano quasi a lungo termine, dopodiché la monotonia comincia a deprimermi e finisco per lasciare la persona di turno. Avevo deciso di gestire la relazione che ho adesso — e che dura da nove mesi — in modo più casuale, con il risultato che è diventata una relazione mono/poli, nel senso che io sono poli e la mia ragazza è monogama. Lei è stupenda, carina e intelligente, e il nostro rapporto non ha nulla di distruttivo o poco sincero. Solo, mi rendo conto che non ho voglia di sentirla tutti i giorni, e sentirla tutte le settimane su Skype mi pesa. Quando ci vediamo stiamo benissimo, ma mi viene voglia di raccontarle le cose solo se la vedo di persona. È il prezzo che devo pagare per mantenerla felice?

–Not An Asshole

Ho letto che i giovani non telefonano più — parlarsi al telefono è da vecchi (rivelazione: ormai anche noi vecchi non parliamo quasi più al telefono) — per cui mi stupisce che la tua giovane e monogama fidanzata voglia sentire la tua giovane e poliamorosa voce quotidianamente. Secondo me dovresti proporle un giovane e divertente compromesso: messaggi anziché telefonate durante la settimana, e un incontro/masturbazione su Skype nel weekend.

(Traduzione di Matteo Colombo)

Questa rubrica è stata pubblicata su The Stranger.

pubblicità

Da non perdere

Il primo museo palestinese nasce tra le polemiche
Le variazioni di Frank Horvat
Più di tremila migranti salvati in due giorni nel mar Mediterraneo

In primo piano