NUOVE NOTIZIE

NOTIZIE
NUOVE NOTIZIE

Africa e Medio Oriente


  • 13 Set 2016 14.34

Le rotte verso l’Italia raccontate dai migranti

Dall’inizio del 2016 in Italia sono arrivate 124.475 persone attraversando il Mediterraneo. La maggior parte di loro proviene dall’Africa subsahariana e ha alle spalle un lungo viaggio di cui la traversata è solo l’ultima tappa. Il 13 settembre Medici per i diritti umani (Medu) ha presentato una mappa interattiva realizzata sulla base delle testimonianze di mille migranti arrivati in Italia negli ultimi tre anni che mostra le rotte e le violenze subite. Leggi

  • 09 Set 2015 17.04

Nordafrica e Medio Oriente accolgono più profughi dell’Europa

Secondo l’ultimo rapporto dell’alto commissariato dell’Onu per i rifugiati, nel 2014 è stato registrato un forte aumento del numero di profughi nel mondo. L’analisi della situazione in Medio Oriente e in Nordafrica, dove vengono ospitati la gran parte dei richiedenti asilo.  Leggi

pubblicità
  • 27 Mag 2015 11.47

Amnesty international accusa Hamas di violazione dei diritti umani a Gaza

Hamas ha ucciso 23 palestinesi dopo processi sommari a Gaza

Un palestinese detenuto da militanti di Hamas prima di essere ucciso in un’esecuzione pubblica il 22 agosto 2014. L’uomo era accusato di aver collaborato con Israele.

Hamas, l’organizzazione politica e militare che governa la Striscia di Gaza, è stata accusata da Amnesty international di aver usato la guerra con Israele a Gaza, tra l’8 luglio e il 26 agosto 2014, per coprire le esecuzioni extragiudiziali contro gli oppositori politici, accusati di essere “collaboratori di Israele”.

Secondo il rapporto dell’organizzazione, impegnata nella difesa dei diritti umani, almeno 23 palestinesi sono stati uccisi dopo processi sommari per spionaggio. Altri sono stati arrestati, sequestrati e torturati, tra loro anche esponenti di Al Fatah, il partito rivale di Hamas.

Hamas ha giustificato le esecuzioni dicendo che si trattava di “collaboratori di Israele”, ma secondo Amnesty international 16 persone che sono state uccise erano già in carcere o stavano già subendo processi per altri reati. La pena di morte è in vigore nei territori amministrati dall’Autorità nazionale palestinese, ed è prevista nei casi di omicidio, stupro, sovversione e presunta collaborazione con le autorità israeliane.

Il 22 agosto del 2014 Hamas ha dichiarato di aver ucciso 19 persone in esecuzioni pubbliche, con l’accusa di collaborazionismo. Sette persone sono state uccise in una piazza di Gaza, davanti a una moschea. Altre undici sono state uccise in un commissariato, tra loro due donne. Si è trattato del più alto numero di presunti informatori uccisi in un singolo giorno da quando Hamas ha preso il controllo della Striscia di Gaza nel 2007. Hamas ha spiegato che le esecuzioni sono state la risposta ai raid aerei israeliani che nei giorni precedenti hanno ucciso tre importanti leader delle brigate Al Qassam, l’ala militare di Hamas.

“È scioccante che Hamas abbia approfittato della situazione di guerra per eseguire una serie di omicidi illegali e altri omicidi di massa”, ha detto Philip Luther, il responsabile di Amnesty international in Medio Oriente e Nordafrica.

Amnesty international ha condotto la sua inchiesta grazie a dei collaboratori locali, perché le autorità israeliane gli hanno impedito di entrare nella Striscia di Gaza. L’organizzazione ha chiesto alle autorità palestinesi di aprire un’inchiesta indipendente su questi fatti.

Africa e Medio Oriente

Battaglie decisive nelle città siriane

Le forze del regime avanzano su Aleppo e nella regione della Ghuta. I ribelli conquistano nuove città al sud. Le parti coinvolte nel conflitto si giocano il tutto per tutto

Africa e Medio Oriente

Le colpe di Israele a Gerusalemme Est

I palestinesi di Gerusalemme che si scontrano con la polizia vogliono ricordare al resto del mondo che da mezzo secolo vivono sotto occupazione

pubblicità

Africa e Medio Oriente

La primavera nera di Ouagadougou

Per alcuni manifestanti burkinabé le proteste che hanno portato all’uscita di scena del presidente Blaise Compaoré sono una continuazione delle rivolte arabe del 2011

Africa e Medio Oriente

L’esempio della Tunisia

Le elezioni legislative tunisine del 26 ottobre sono l’evento di politica interna più significativo dell’ultimo secolo di storia del mondo arabo.

Africa e Medio Oriente

L’impossibile tregua con Boko haram

L’annuncio di un cessate il fuoco tra la Nigeria e i ribelli estremisti islamici ha fatto sperare nella liberazione delle 219 studentesse rapite. Ma l’accordo ha rivelato subito i suoi punti deboli

Africa e Medio Oriente

Il prezzo della lotta contro i jihadisti

I siriani accusano gli Stati Uniti di aver ignorato alcuni gravi massacri compiuti dal gruppo Stato islamico. Come quello di agosto in cui sono morte 700 persone del clan Shaitat

  • 17 Dic 2012 12.29

La strage degli innocenti

Il 14 dicembre un ragazzo di vent'anni, Adam Lanza, è entrato nella scuola elementare Sandy Hook, a Newtown, nel Connecticut, e ha sparato sugli alunni e gli insegnanti. Venti bambini tra i cinque e i sette anni sono morti, insieme a sei adulti. Lanza, prima di cominciare il massacro a scuola, aveva ucciso sua madre, anche lei insegnante. Leggi

pubblicità