Amedy Coulibaly

Arrestato in Spagna un uomo sospettato di aver fornito armi per gli attentati di Parigi.
Arrestato in Spagna un uomo sospettato di aver fornito armi per gli attentati di Parigi. Antoine Denive, di nazionalità francese, è stato arrestato a Malaga, in Andalusia. È accusato di aver venduto armi a Amedy Coulibaly, l’uomo responsabile della crisi degli ostaggi nel supermercato kosher nella capitale francese e della sparatoria di Montrouge nel gennaio 2015. Nel frattempo la sala da concerti Bataclan ha annunciato che riaprirà a novembre, a un anno dagli attentati del 2015.
Gli ex ostaggi dell’attacco di Coulibaly in Francia denunciano le televisioni

Sei persone che erano nascoste nel supermercato kosher, a Porte de Vincennes, nell’est di Parigi, dove il jihadista Amédy Coulibaly ha ucciso quattro persone il 9 gennaio, hanno denunciato alcune emittenti televisive, tra cui BfmTv, per aver trasmesso le immagini in diretta e aver così messo in pericolo altre vite.

Una delle accuse riguarda l’aver dato notizia, durante il sequestro degli ostaggi, che alcuni clienti del negozio kosher si erano rifugiati nella cellula frigorifera.

Il ricorso, presentato il 27 marzo e di cui l’Afp è venuta a conoscenza solo oggi, è rivolto anche contro altri media che “non hanno rispettato le elementari regole della prudenza”, come ha spiegato l’avvocato Patrick Klugman. In questo caso si fa riferimento all’aver raccontato in diretta da una parte gli sviluppi delle operazioni delle forze dell’ordine sul luogo dove Coulibaly teneva sequestrate le persone e dall’altro aver informato dell’assalto contro gli autori dell’attentato alla redazione Charlie Hebdo da parte dei fratelli Kouachi. I clienti dell’avvocato hanno rivelato che Coulibaly seguiva “l’evoluzione delle notizie su diversi canali, tra cui BfmTv”.

“I metodi di lavoro dei media che trasmettono in tempo reale in queste situazioni spingono al crimine”, ha detto Klugman.

In Francia, la messa in pericolo della vita altrui è un reato che prevede fino a un anno di prigione e 15mila euro di multa. Afp

pubblicità
Francia, quattro uomini accusati di essere i complici di Amedy Coulibaly

Il procuratore di Parigi, François Molins, ha dichiarato che quattro persone sono state accusate di essere complici di Amedy Coulibaly, il presunto attentatore della sparatoria di Montrouge e di Porte de Vincennes, in Francia. I quattro uomini sono sospettati di aver fornito supporto logistico a Coulibaly.

Amedy Coulibaly il 9 gennaio si è barricato in un supermercato kosher di Porte de Vincennes, prendendo diversi ostaggi. Nell’attacco sono morti quattro ostaggi ed è stato ucciso lo stesso Coulibaly. Il 7 gennaio, nella sparatoria a Montrouge, secondo gli inquirenti Coulibaly avrebbe ucciso una poliziotta. Ap, Afp

Il carcere visto da Amedy Coulibaly

Nel 2008 il quotidiano francese Le Monde era entrato in contatto con un ex detenuto del carcere di Fleury-Mérogis, in possesso di un video di due ore e mezza e di un centinaio di foto della prigione più grande di Francia. Alcune di queste immagini erano state scattate da Amedy Coulibaly, uno degli attentatori di Parigi. Leggi