Ashley Madison

Tra moglie e marito non mettere un hacker

Sono un utente di Ashley Madison in coppia aperta con una donna bisessuale. Posso garantirti che anche tanti altri utenti del sito — centinaia di migliaia — sono in coppia aperta. Gli hacker non si sono posti il problema di distinguere gli adulteri dalle persone che hanno rapporti consensuali e trasparenti. Leggi

Si è dimesso il fondatore e amministratore delegato del sito Ashley Madison
Si è dimesso il fondatore e amministratore delegato del sito Ashley Madison. L’attacco di un gruppo di hacker, che ha diffuso in rete i dati di quasi 37 milioni di utenti del sito di incontri extraconiugali, ha portato alle dimissioni dell’imprenditore canadese Noel Biderman, numero uno dell’azienda Avid life.
pubblicità
Due suicidi dopo l’attacco hacker contro Ashley Madison.
Due suicidi dopo l’attacco hacker contro Ashley Madison. La polizia di Toronto sta indagando sul collegamento tra la morte di due persone e la pubblicazione in rete delle loro informazioni personali, che erano state trafugate con quelle dei quasi 37 milioni di utenti del sito di incontri extraconiugali.
Due suicidi dopo la fuga di informazioni dal sito Ashley Madison

Almeno due suicidi potrebbero essere collegati alla fuga di informazioni dal sito di incontri per persone sposate Ashley Madison. Lo ha riferito in una conferenza stampa la polizia di Toronto, pochi giorni dopo l’attacco informatico di un gruppo di hacker che ha pubblicato in rete indirizzi email, numeri di telefono e di carte di credito di quasi 37 milioni di persone registrate sul sito.

Nel frattempo, l’azienda canadese Avid Life Media (Alm), che è proprietaria del sito di incontri, ha offerto 500mila dollari canadesi (circa 330mila euro) a chi contribuirà a individuare gli hacker responsabili del furto di informazioni dei suoi utenti.

Cos’è successo ai dati degli utenti del sito di incontri Ashley Madison

Ieri un gruppo di hacker ha diffuso i dati personali di 33 milioni di utenti di Ashley Madison, un sito di incontri per persone sposate. Sono stati pubblicati in rete indirizzi email, numeri di telefono e di carte di credito. Le informazioni sono state pubblicate sul dark web, la parte di internet che non viene rilevata dai motori di ricerca e si può navigare solo usando software particolari, come Tor. Leggi

pubblicità
Gli hacker diffondono i dati degli utenti del sito Ashley Madison.
Gli hacker diffondono i dati degli utenti del sito Ashley Madison. Sono state pubblicate in rete le informazioni personali di 33 milioni di utenti del sito d’incontri per persone sposate, compresi indirizzi email e numeri di carte di credito. Gli hacker avevano rubato i dati il mese scorso e avevano minacciato di diffonderli se il sito non veniva chiuso.