NUOVE NOTIZIE

AUTORI
NUOVE NOTIZIE

Íñigo Domínguez

È un giornalista del quotidiano spagnolo El País. Per anni è stato il corrispondente in Italia del quotidiano del Paese Basco, El Correo.


  • 03 Nov 2016 11.03

La Spagna ha finalmente un governo ma la sua durata è incerta

I dieci mesi più strani della democrazia spagnola si sono conclusi in modo altrettanto inaspettato: il conservatore Mariano Rajoy, leader del Partito popolare (Pp), resterà premier dopo aver ottenuto la fiducia del parlamento grazie all’astensione della maggior parte dei deputati socialisti del Psoe, il suo storico rivale. Leggi

  • 05 Ott 2016 11.01

La crisi dei socialisti spagnoli è storica e un po’ isterica

Era inevitabile che la Spagna non uscisse immune da una situazione politica che ha lasciato il paese quasi un anno senza governo e con l’attuale minaccia di tornare a votare per la terza volta. I contraccolpi sono sotto gli occhi di tutti. Leggi

pubblicità
  • 28 Apr 2016 09.32

La Spagna torna al voto senza una prospettiva di governo

Il 26 giugno in Spagna si terranno nuove elezioni, dopo quattro mesi di trattative sterili tra i quattro principali partiti. I prossimi due mesi saranno segnati da una campagna elettorale che ha già annoiato cittadini, politici e mezzi di informazione ancor prima di cominciare. Leggi

  • 02 Mar 2016 10.06

In Spagna i giochi politici bloccano la nascita del governo

La camera di Madrid oggi vota per la prima volta la fiducia al socialista Pedro Sánchez, incaricato a formare un governo. Almeno nella prima votazione non otterrà i voti necessari: non bastano i 40 portati dall’accordo con il partito di centrodestra Ciudadanos. La prospettiva è di dover assistere a due mesi di negoziati che forse non porteranno a niente. Leggi

  • 06 Feb 2016 11.51

La novità paralizza la Spagna

La democrazia spagnola, con i suoi quarant’anni, ha sempre vissuto nella routine di un comodo bipolarismo. Da qui si guardava con indulgenza al caos, alla complessità e ai litigi infiniti della politica italiana. Ora, invece, sono oggetto di studio, perché il nuovo parlamento è ingovernabile e si ritrova frammentato in quattro grandi blocchi. Leggi

pubblicità