NUOVE NOTIZIE

AUTORI
NUOVE NOTIZIE

Rami Khouri

È columnist del Daily Star, quotidiano di Beirut.


  • 19 Ago 2016 15.25

I paesi arabi devono prepararsi alla caduta dello Stato islamico

Gli eventi sul campo in diversi paesi stanno dimostrando quanto fosse corretto quello che molti di noi hanno detto negli ultimi due anni: lo Stato islamico non è una forza militare seria né un’entità sovrana credibile e legittima, e una volta affrontato seriamente sparirà inevitabilmente come la foschia mattutina. Leggi

  • 10 Ago 2016 10.48

Il mondo arabo scoppia e nessuno ha fatto niente per evitarlo

Mai, nella sua storia moderna, il mondo arabo ha conosciuto un insieme di sconvolgimenti politici come quello di oggi: frammentazione degli stati, profughi in fuga, l’esportazione del terrorismo e lunghe guerre devastanti. Ma tutti questi elementi non sono emersi da un giorno all’altro. Leggi

pubblicità
  • 10 Giu 2016 10.14

La minaccia dello Stato islamico non sparirà insieme al califfato

Fin da quando ha annunciato un moderno califfato, il gruppo Stato islamico (Is) ha detto ai suoi seguaci che avrebbe resistito e si sarebbe espanso. Al contrario, io ho sempre creduto che il radicamento territoriale dell’Is sarebbe durato solo finché i suoi molti nemici non avrebbero coordinato le azioni militari per combatterlo. Tuttavia, anche se lo “stato” crollerà, l’Is non scomparirà. Leggi

  • 07 Apr 2016 17.00

Criticare l’occupazione israeliana non vuol dire essere antisemita

Il dibattito sulla campagna internazionale di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele (Bds) fa il suo ingresso nel dibattito pubblico grazie a cinque editoriali del New York Times che si interrogano su Israele, la sua discriminazione nei confronti dei palestinesi e la libertà di criticare ogni forma di oppressione. Leggi

  • 18 Feb 2016 18.29

In memoria di Anthony Shadid che ci ha insegnato a guardare gli arabi con occhi diversi

Anthony Shadid era un giornalista del New York Times che seguiva i grandi eventi che stanno cambiando il Medio Oriente. Attraverso il suo lavoro ci ha ricordato qual è la forza più potente che determina l’esito delle battaglie tra ideologie, stati ed eserciti: i singoli esseri umani che affermano la loro umanità mentre affrontano le sfide della vita quotidiana. Leggi

pubblicità
  • 17 Gen 2016 11.03

Le primavere arabe sono finite, ma solo per il momento

Molti analisti questa settimana hanno ricordato i cinque anni dalla caduta dell’ex presidente tunisino Zein el Abideen Ben Ali, il primo di numerosi dittatori arabi cacciati da manifestazioni spontanee. Un esame retrospettivo che è utile per capire se esiste la possibilità di altre rivolte e perché quella del 2011 abbia perso posizioni negli ultimi anni. Leggi

  • 31 Dic 2015 12.18

Nel 2016 negli stati petroliferi ci sarà un cambiamento senza precedenti

Nel 2016 sarà interessante tenere d’occhio gli stati petroliferi che appartengono al Consiglio per la cooperazione del Golfo (Gcc), poiché hanno appena cominciato ad affrontare una sfida totalmente nuova, quasi esistenziale, che metterà alla prova la qualità dei loro stati e la loro integrità nazionale come non era mai successo prima. Leggi

  • 22 Dic 2015 16.03

Perché le rivolte arabe sono fallite

Questa settimana si commemora il giorno in cui, cinque anni fa, Mohamed Bouazizi si diede fuoco in una cittadina nel sudovest della Tunisia, dando avvio alle rivolte del mondo arabo. Ma la commemorazione offre solo una prospettiva limitata sulla più complessa e importante storia delle rivoluzioni e, più in generale, sulla storia del mondo arabo moderno. Leggi

  • 13 Ago 2015 12.03

Il grande gioco delle alleanze in Medio Oriente

Quando una grande potenza regionale come la Turchia comincia a dare prove di forza militare, una potenza globale come gli Stati Uniti continua a usare il suo esercito come un normale strumento politico nella regione e governi come quello siriano attaccano ferocemente i loro stessi civili, non dovrebbe sorprenderci che gli ordini statali esistenti comincino a vacillare e a crollare. Leggi

  • 10 Gen 2015 16.29

Uccisi i due presunti attentatori di Charlie Hebdo

L’universo dei fratelli Kouachi

L’attacco di mercoledì scorso contro il giornale satirico francese Charlie Hebdo, in cui sono state uccise 12 persone, ha naturalmente provocato in tutto il mondo una grande ondata di solidarietà nei confronti del giornale e, più in generale, della libertà di stampa e di espressione, oltre che a molte condanne degli attacchi da parte di musulmani in Europa e nel resto del mondo. Leggi

pubblicità
  • 08 Set 2014 15.47

Un’altra guerra al terrorismo

Affrontare lo Stato islamico con un’altra coalizione militare occidentale significa ripetere gli errori che hanno favorito la diffusione dell’estremismo. Leggi

  • 27 Ago 2014 11.53

Il vero antidoto allo Stato islamico

Più che bombardare l’Iraq, per sconfiggere gli estremisti bisognerebbe riformare gli stati autoritari che opprimono milioni di arabi. Leggi

  • 13 Ago 2014 12.01

L’Iraq e il futuro del mondo arabo

Dalla risposta all’avanzata dello Stato islamico dipenderà l’evoluzione politica e sociale dei paesi della regione. Leggi

  • 06 Ago 2014 11.57

Per i palestinesi l’unità è il primo obiettivo

La solidarietà con Gaza dev’essere il punto di partenza per ricostituire l’Olp e creare un fronte unito nei negoziati con Israele. Leggi

  • 10 Lug 2014 13.13

Gaza è un vicolo cieco

La nuova crisi tra israeliani e palestinesi dimostra che nessuna delle due parti ha ancora imparato niente dal conflitto. Leggi

pubblicità
  • 15 Mag 2012 13.07

La guerra urbana arriva a Damasco

Le due potenti esplosioni avvenute davanti a un edificio dei servizi di sicurezza siriani segnano una nuova, spaventosa pietra miliare del conflitto che sconvolge il paese. Leggi

  • 25 Mar 2012 10.20

La lunga agonia del regime di Damasco

Assad è disposto a usare le forze armate e il bilancio nazionale per restare al potere, senza badare ai costi sul piano interno né a quelli per le relazioni con gli altri paesi. Leggi

  • 25 Nov 2011 10.04

La primavera araba sulla via di Damasco

Una guerra civile in Siria non durerebbe a lungo, perché le reazioni interne e internazionali porterebbero rapidamente alla fine del regime e all’avvento di un nuovo ordine. Leggi

  • 06 Nov 2011 10.00

Buone notizie dal mondo arabo

In Tunisia, in Egitto e in Giordania sono successe tre cose che fanno prevedere giorni migliori per tutti gli arabi che vogliono vivere in società libere e giuste e che vogliono voltare pagina. Leggi

  • 11 Set 2011 10.00

L’Onu spaventa Stati Uniti e Israele

Il riconoscimento dello stato palestinese da parte delle Nazioni Unite è un atto simbolico. Ma incrinerà il monopolio di Washington e Tel Aviv nei negoziati di pace. Leggi

pubblicità