Yoani Sánchez

È una blogger cubana. Per guadagnarsi da vivere traduce e fa la guida turistica. Nell’aprile del 2007 ha aperto il blog Generación Y, in cui parla della vita di tutti i giorni a Cuba.

Capriles

Quando si nascondono e si distorcono sistematicamente le informazioni, può capitare che un giorno un avvenimento porti allo scoperto la prolungata manipolazione delle notizie. Leggi

Restare

All’inizio di aprile sette ballerini cubani hanno disertato durante una tournée in Messico. Dopo essersi esibiti in varie città del paese, hanno attraversato la frontiera con gli Stati Uniti e sono arrivati a Miami. Leggi

pubblicità
Lágrimas negras

“Nella vita ci sono amori che non si possono dimenticare mai”, dice una delle canzoni registrate dal cantante El Cigala, accompagnato al piano da Bebo Valdés. Leggi

Grossista

Caramelle, dolcetti, barrette di cocco coperte di zucchero: c’è questo e altro ancora in un piccolo bar vicino alla fermata dell’autobus. Ci sono giornate in cui si vende molto e altre quasi niente. Leggi

Uscire

Dopo cinque anni e venti risposte negative alla mia richiesta di viaggiare, questa settimana sono uscita da Cuba. Leggi

pubblicità
Dichiarazione dei redditi

Per chi ha cominciato a lavorare in proprio nel corso dell’ultimo anno è arrivato il momento di pagare le tasse. Leggi

612 per 612

Il 4 febbraio il francese Alain Robert ha scalato la facciata dell’hotel Habana Libre. Leggi

Raúl Castro e la Celac

Il presidente cubano è andato qualche giorno in Cile per il vertice della Comunità degli stati latinoamericani e caraibici (Celac) con l’Unione europea. Leggi

Il risveglio della rete

Se facessimo un sondaggio per sapere quali sono i problemi più gravi dei cubani, molti risponderebbero le stesse cose. Leggi

Famiglie riunite

Una madre con tre figlie ha aspettato l’alba appoggiata alla cancellata di una casa del Vedado, sede del Departamento de inmigración y extranjería. Leggi

pubblicità
Valigie che vanno e vengono

Una tradizione può esistere da centinaia di anni oppure da poco tempo ma essere già un’abitudine. Alle celebrazioni per il nuovo anno, a Cuba se n’è aggiunta una significativa. Leggi

El Rincón

Un uomo si trascina in ginocchio per strada, portando sulle spalle una croce di legno. È sul viale che porta all’aeroporto, ma le macchine si fermano e lasciano che il penitente prenda il suo tempo. Leggi

Zucchero all’Avana

L’8 dicembre l’artista italiano si è esibito in uno spettacolo di proporzioni enormi nell’area dell’Istituto superiore d’arte all’Avana. Leggi

Dicembre in festival

Ogni dicembre torna all’Avana il festival internazionale del nuovo cinema latinoamericano. Quest’anno ci saranno più di cinquecento film da quarantasei paesi e la presenza di attori e registi di altre latitudini. Leggi

Ancora Chávez

Due amici s’incontrano per strada e uno chiede all’altro: “Ma lo sapevi che Cuba ha il pozzo petrolifero più grande del mondo?”. Leggi

pubblicità
Treni

La piccola stazione ferroviaria è animata già dalla mattina. Gli studenti si aggirano con le loro uniformi attillate e uno strillone annuncia il Granma. Leggi

Vigilia elettorale

A Cuba tutti gli sguardi erano rivolti alle elezioni statunitensi. La politica di plaza de la Revolución è per definizione contraria a quella di Washington Leggi

La crisi dei missili

Neanche mia nonna si rese conto di quanto fossimo vicini all’olocausto in quell’ottobre del 1962. Leggi

Cuba apre le porte

Per venti volte in cinque anni mi hanno negato il permesso di viaggiare. Ma avevo imparato a vivere nella mia reclusione insulare. Leggi

Da Lignano Sabbiadoro a Camagüey

La vicenda di Reiver Laborde Rico, accusato di omicidio in Italia, e dei giornalisti italiani che lo hanno seguito fino a casa sua. Leggi

pubblicità