Indonesia

Indonesia

Capitale
Giacarta
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Rupia indonesiana
Superficie
Il mondo all’una

La candidatura di Manuel Valls, la condanna del governatore di Jakarta e l’età dei primi ominidi. Leggi

Il mondo all’una

I primi passi del nuovo presidente francese, la liberazione delle ragazze di Chibok e l’esodo dal Sud Sudan. Leggi

pubblicità
Il candidato musulmano ha vinto le elezioni per il governatore di Jakarta, in Indonesia.
Il candidato musulmano ha vinto le elezioni per il governatore di Jakarta, in Indonesia. Anies Baswedan, ex ministro dell’istruzione indonesiano, con il 58 per cento dei voti ha vinto le elezioni a governatore di Jakarta. Il suo oppositore, il cristiano Basuki Tjahaja Purnama, ha vinto al primo turno che si è tenuto a febbraio, in cui i candidati erano tre, ma non è andato oltre il 42 per cento. L’esito del ballottaggio sconfessa alcuni sondaggi che avevano previsto la vittoria di Purnama, ma evita una frattura tra la capitale e il resto dell’Indonesia, che è il più grande paese musulmano del mondo. I risultati saranno ufficializzati all’inizio di maggio.
Da dove viene l’olio di palma

L’Indonesia è il principale produttore mondiale di olio di palma, seguito dalla Malesia: insieme raggiungono l’85 per cento della produzione. Presente in molti prodotti alimentari e consumato dagli esseri umani da più di cinquemila anni, nell’ultimo decennio quest’olio è sempre più diffuso nell’alimentazione. La sua richiesta è aumentata in misura esponenziale, mettendo a rischio ambiente e popolazione. Leggi

pubblicità
Storie di chi salva le foreste del Borneo

Dal 1990 al 2015 il mondo ha perso 129 milioni di ettari di foreste, distrutti dalle motoseghe, dal fuoco e dal cemento. La deforestazione è andata avanti a un ritmo spaventoso: sono scomparsi circa dieci ettari – l’equivalente di quattordici campi da calcio – di bosco al minuto, per attività dell’uomo come l’agricoltura, l’estrazione di materie prime e l’urbanizzazione. Leggi

Alluvioni a Jakarta
La notte del vulcano Sinabung
A scuola con il vulcano
Dodici persone sono morte in una frana sull’isola di Bali, in Indonesia
Dodici persone sono morte in una frana sull’isola di Bali, in Indonesia. La frana ha colpito vari villaggi nell’area di Kintamani intorno alle 23 (ora locale) del 9 febbraio in seguito a pioggia torrenziale. Tra le vittime ci sono anche una bambina di sette anni e un bambino di un anno, morti insieme alla madre. Gli operatori umanitari della Croce rossa stanno cercando i sopravvissuti mentre l’Agenzia nazionale per i disastri ha avvertito che sono previste altre frane e allagamenti.
pubblicità
Fiamme al mercato di Jakarta
Terremoto di magnitudo 5,6 al largo delle isole Maluku, in Indonesia.
Terremoto di magnitudo 5,6 al largo delle isole Maluku, in Indonesia. L’epicentro è stato registrato alle 11:41 del 14 gennaio a 120 chilometri a nord ovest dell’isola di Ternate, ad una profondità di circa 23 chilometri.
Incendio a bordo di un traghetto in Indonesia, arrestato il capitano
Incendio a bordo di un traghetto in Indonesia, arrestato il capitano. È accusato di negligenza. Secondo i mezzi d’informazione locali è stato tra i primi a gettarsi in mare dopo che è scoppiato l’incendio che ha causato la morte di 23 passeggeri. Altri 17 sono dispersi. Il 1 gennaio il traghetto Zahro Express stava portando 230 persone da Jakarta, la capitale indonesiana, all’isola di Tidung, una popolare destinazione turistica, quando è esploso uno dei motori, provocando un incendio.
Un incendio su un traghetto a Jakarta, in Indonesia, almeno 23 morti.
Un incendio su un traghetto a Jakarta, in Indonesia, almeno 23 morti. L’imbarcazione ha preso fuoco il 1 gennaio mentre era diretta all’isola Tidung, nel nord di Jakarta. Oltre ai morti, ci sarebbero 17 feriti e numerosi dispersi. L’incendio sarebbe stato provocato da un corto circuito di un generatore elettrico a bordo.
pubblicità
Raid della polizia in Indonesia, uccisi due presunti militanti islamici.
Raid della polizia in Indonesia, uccisi due presunti militanti islamici. La polizia indonesiana ha ucciso due uomini sospettati di essere militanti islamici in una casa a Giava.
Un aereo dell’aeronautica militare indonesiana si è schiantato nella provincia di Papua, 13 morti.
Un aereo dell’aeronautica militare indonesiana si è schiantato nella provincia di Papua, 13 morti. Il velivolo Hercules C-130, che doveva portare generi alimentari nel villaggio di Wamena, si è schiantato in una remota zona montana della provincia orientale il 18 dicembre. I tre piloti e dieci passeggeri appartenenti al personale militare sono morti nell’impatto. Dalle prime ricostruzioni l’incidente è stato causato da una tempesta ad alta quota.
Migliaia di profughi bloccati in Indonesia

In Indonesia sono più di 13mila i migranti che si trovano in una sorta di limbo, costretti a vivere in tende piantate per strada o in condizioni precarie. Questo numero è destinato ad aumentare. Infatti sono migliaia i profughi che ogni anno rimangono bloccati nel paese in attesa di potersi spostare in Australia o in Nuova Zelanda. Leggi

Dopo il terremoto in Indonesia
In Indonesia continuano le ricerche dei sopravvissuti dopo il terremoto.
In Indonesia continuano le ricerche dei sopravvissuti dopo il terremoto. Il 7 dicembre un sisma di magnitudo 6,5 ha colpito la provincia nordoccidentale indonesiana di Aceh, nell’isola di Sumatra. Le vittime finora accertate sono 102, più di cinquecento i feriti. Centinaia le abitazioni crollate che hanno lasciato migliaia di persone senza tetto. Il centro colpito più violentemente è Pidie Jaya, città di 150mila abitanti.
pubblicità