07 luglio 2017 13:19
  • Continuano ad Amburgo le proteste contro il vertice del G20. Anche questa mattina sono scoppiati nuovi scontri tra manifestanti e agenti, con i dimostranti che hanno incendiato le auto della polizia tedesca. È salito a 111 il numero dei poliziotti feriti negli scontri scoppiati alla vigilia del vertice. Ventinove persone sono state arrestate. Intanto c’è stata la prima stretta di mano tra Donald Trump e Vladimir Putin, che alle 15.45 avranno un faccia a faccia a margine del vertice.
  • Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein ed Egitto sono pronti a varare nuove sanzioni contro il Qatar dopo la risposta negativa alle richieste dei quattro paesi. Secondo la tv satellitare Al Arabiya, di proprietà saudita, i quattro paesi boicottanti sono pronti a “rilevanti misure politiche ed economiche contro il Qatar”, tra cui ulteriori sanzioni economiche r un aut aut alle aziende internazionali che operano nel golfo di fermare le loro attività nel Qatar. A queste misure si aggiungerebbe secondo Al Arabiya il congelamento dei fondi, anche privati, che fanno capo a istituzioni finanziarie qatariote. A livello diplomatico e politico, i quattro paesi vorrebbero inviare il dossier del Qatar al Consiglio di sicurezza dell’Onu.
  • Si sono conclusi con un nulla di fatto i negoziati in Svizzera per mettere fine al conflitto di Cipro. Lo ha annunciato il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. “Sono profondamente deluso di dovervi informare che malgrado l’impegno e la determinazione di tutte le delegazioni e le diverse parti sul posto, la conferenza su Cipro si è conclusa senza raggiungere un accordo”, ha annunciato Guterres ai giornalisti presenti a Crans-Montana. Guterres era arrivato in Svizzera per fare pressioni sul presidente cipriota, Nicos Anastasiades, e il leader della Repubblica Turca di Cipro Nord, Mustafa Akıncı, affinché firmassero un accordo per la riunificazione dell’isola. Le trattative, però, si sarebbero bloccate per il rifiuto da parte turca a un ritiro completo delle truppe nonostante l’accettazione da parte greca di una presidenza a rotazione.
  • Ventotto persone sono morte durante una rivolta carceraria in Messico. I detenuti sarebbero rimasti uccisi durante gli scontri scoppiati tra bande rivali nella prigione centrale di Acapulco, nel sud del paese. Negli ultimi otto anni sono almeno 347 le persone morte durante una rivolta nelle prigioni messicane.
  • Scoperta al Cern la particella Xi: ricercata da decenni, potrà aiutare a studiare il collante che tiene unita la materia. La scoperta, annunciata nella conferenza della European Physical Society in corso a Venezia, sarà pubblicata sulla rivista Physical Review Letters, ed è avvenuta grazie all’acceleratore più grande del mondo, il Large hadron collider (Lhc) del Cern di Ginevra. La particella Xi appartiene alla classe dei barioni, formati da tre quark: due pesanti che ruotano l’uno intorno all’altro come in un sistema planetario binario, e un terzo più leggero che orbita intorno a questo sistema, come se fosse un pianeta.