Un incendio a Posillipo, Napoli, il 17 luglio 2017. (Ciro Fusco, Ansa)

Il mondo in breve

Un incendio a Posillipo, Napoli, il 17 luglio 2017. (Ciro Fusco, Ansa)
18 luglio 2017 13:12
  • Altri due senatori repubblicani si dicono contrari alla riforma del sistema sanitario voluta da Donald Trump. Mike Lee dello Utah e Jerry Moran del Kansas hanno annunciato la loro opposizione alla nuova versione dell’Obamacare. In tutto, quattro dei 52 senatori repubblicani hanno dichiarato di essere contrari, mentre servono almeno 50 voti per approvare la riforma. Donald Trump, in un tweet, ha chiesto ai parlamentari di abrogare totalmente l’Obamacare rinviando un ipotetico testo sostitutivo.
  • Un tribunale di Istanbul ha convalidato l’arresto di sei attivisti per i diritti umani, fermati il 5 luglio in Turchia durante un seminario sulla sicurezza informatica. Tra loro c’è anche la direttrice di Amnesty international in Turchia, İdil Eser. Sono accusati di aver commesso reati nel nome di un’organizzazione terroristica. Salil Shetty, segretario generale di Amnesty international, ha dichiarato: “Oggi abbiamo capito che in Turchia la difesa dei diritti umani è diventata un crimine”.
  • Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha chiesto al congresso di prolungare di cinque mesi la legge marziale decretata nel sud del paese. La misura di sicurezza è in vigore dal 23 maggio scorso, dopo che i combattenti dello Stato islamico avevano preso il controllo di Marawi, la più grande città musulmana sull’isola di Mindanao. La costituzione autorizza il capo dello stato a imporre questa misura per un massimo di 60 giorni, alla scadenza dei quali può essere prolungata solo con l’approvazione del congresso.
  • In Kenya, a tre settimane delle elezioni legislative e presidenziali, uno spot fa temere l’esplodere di nuove violenze. Il video di 90 secondi, anonimo, s’intitola “Ferma Raila, salva il Kenya. Il futuro del Kenya è nelle tue mani” e ipotizza un paese nel caos dopo la vittoria del candidato dell’opposizione. Alle presidenziali si presenta Uhuru Kenyatta, presidente uscente, insieme al suo vice William Ruto. Entrambi sono stati indagati dalla Corte penale internazionale per le loro presunta implicazione nelle violenze elettorali del 2007-2008. Kenyatta, in testa ai sondaggi, sfiderà ancora una volta Raila Odinga, leader dell’Orange democratic party e della National super alliance, che riunisce le varie parti dell’opposizione.
  • L’Europa meridionale è in preda agli incendi. In Croazia decine di focolai sono dilagati intorno a Spalato, distruggendo 4.500 ettari di pineta e oliveti. Il Montenegro ha chiesto l’aiuto internazionale. In Portogallo, dove a fine giugno un incendio aveva causato la morte di 64 persone, altri tre incendi sono scoppiati nel nord. In Italia solo il 17 luglio sono stati necessari più di mille interventi da parte dei vigili del fuoco in particolare in Campania, Calabria e Lazio. I fuochi si moltiplicano anche nel sud della Francia e in Corsica.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Lavaggio delicato
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.