La bellezza degli incubi

18 luglio 2017 08:34

Nel 1982 uscì Mad world, un singolo dal primo album dei Tears for Fears. Da lì in poi per qualche anno, soprattutto dal 1984, la band di Bath inanellò una serie di successi impressionante. Allora a me la musica con troppi sintetizzatori non piaceva per principio, così la #canzonedelgiorno passò senza che io me ne accorgessi quasi. Poi nel 2004 vidi Donnie Darko, ed è grazie alla colonna sonora del film che la scoprii davvero, in una versione di Gary Jules e Michael Andrews. Mi sa che non capitò solo a me: se chiedete a persone nate dalla metà degli anni settanta in poi di chi è Mad world, di solito la risposta è: “Donnie Darko!”. Il verso “the dreams in which I’m dying are the best I’ve ever had” era un riassunto perfetto del mood cupo del film, e anche dello spirito depresso di certo synth pop british anni ottanta. La versione originale, risentita oggi, aveva un suo perché.


pubblicità

Articolo successivo

Israele dovrebbe ascoltare le parole dei palestinesi
Gideon Levy