Ciliegia

04 febbraio 2019 09:09

La Cherry Red Records è un’etichetta di Londra che all’inizio degli anni ottanta s’impose come uno dei punti di riferimento della scena indie britannica. Nel 1980 aveva avuto un bel risultato con un disco dei Dead Kennedys, bandiere del punk statunitense, ma poi si concentrò su un sound più morbido. Nel Natale del 1982 pubblicò Pillows & prayers, un’antologia dei suoi artisti che fece il botto nella classifica indie, rimanendo 19 settimane al primo posto. Costava 99 centesimi di sterlina, ma sarebbe valsa la pena di prenderla anche se fosse stata più cara: vi avrebbe permesso, per esempio, di scoprire cosa facevano Tracey Thorn e Ben Watt prima di diventare gli Everything but the Girl.

Uno dei pezzi che rimasero fuori dalla compilation è la #canzonedelgiorno. È dei Fantastic Something: hanno avuto una carriera davvero microscopica nella quale però spicca questo momento delizioso.


Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il ruolo rimosso delle donne nella resistenza
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.