Bei tempi

08 febbraio 2019 10:49

Sam Cooke (1931-1964) è l’uomo che ha gettato le basi di molta della musica soul come la intendiamo oggi. Ha cominciato con un seguitissimo gruppo gospel, poi nel 1956 è passato alla musica pop, è diventato una megastar conquistando anche il pubblico bianco, ha preso sempre più il controllo artistico ed economico della sua produzione e nel 1964 ha pubblicato Ain’t that good news, il suo ultimo album, che passa alla storia per A change is gonna come, canzone che denuncia la condizione dei neri proiettandoli verso un futuro migliore (è il pezzo che Barack Obama citò nel suo primo discorso dopo avere vinto le elezioni da presidente degli degli Stati Uniti). Tutto con una voce che non ha confronti per potenza, bellezza del timbro ed elasticità. Nell’album c’era anche tanto materiale decisamente leggero, come la #canzonedelgiorno. Il link di Spotify è a un best of perfetto. È imbattibile e fa bene allo spirito.


Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Baghdad cerca un ruolo da protagonista nella regione
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.