Bufere d’amore

14 maggio 2019 07:51

Il primo disco di Vinicio Capossela a entrarmi in casa è stato Canzoni a manovella, del 2000, regalo di amici invitati a cena che pensavano mi sarebbe piaciuto. Ci avevano azzeccato: è un disco dal sound specialissimo (alla chitarra c’è Marc Ribot!) e m’incuriosì molto su questo cantautore italiano che non conoscevo per nulla. Così decisi di provare subito il suo primo album, All’una e trentacinque circa, che è del 1990 e aveva vinto la targa Tenco come migliore opera prima. Mi piacque molto anche lui, una sorta di Tom Waits casereccio tra storie supertristi di amori finiti, come la #canzonedelgiorno, che mi fece piangere tutti i suoi giusti lacrimoni, e pezzi come quello che dà il titolo all’album, che celebra i bar di provincia e la Chimay. In questi anni Capossela ha continuato a fare cose sempre varie e interessanti. Seguirlo e volergli bene è giusto.


Intanto grazie a Wikipedia ho appena scoperto che in una canzone degli Offlaga Disco Pax è citato come “una specie di cantautore” il Capossela alle prime armi, quando Luciano Ligabue faceva il fonico dell’Arci e a Pavia i suoi concerti si facevano pubblicità con i manifestini appiccicati sui cassonetti.

A Cantù c’è un locale che si chiama come il primo album di Vinicio Capossela. Secondo me lì la Chimay c’è.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Per senso di responsabilità
Guido Vitiello
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.