Luciano ha lavorato come ballerino a Broadway, New York, per 22 anni. È tornato a Livorno, ma con la pensione non riesce a pagare un affitto. Da due anni vive in un centro di accoglienza, in attesa dell'assegnazione di una casa popolare. (Enrico Genovesi)

Sotto sfratto

20 febbraio 2014 14:34

Con la crisi economica molti inquilini che prima pagavano regolarmente l’affitto non sono più in grado di farlo. Sono stati definiti “inquilini morosi incolpevoli”, e rischiano di essere sfrattati.

Secondo un rapporto diffuso dal ministero dell’interno, nel 2012 sono stati emessi 67.790 provvedimenti di sfratto, di cui 60.244 per morosità. In media è stato ordinato uno sfratto ogni 375 famiglie residenti in Italia (nel 2011 la media era uno ogni 394 famiglie).

Prato è la provincia con la maggiore incidenza di sfratti rispetto alle famiglie residenti (uno ogni 128), seguita da Lodi, Novara, Pavia, Rimini, Roma, Pistoia, Brescia e Livorno (che nel 2011 era in testa alla classifica con uno sfratto ogni 170 famiglie).

Roma è la prima tra le province dei dodici grandi comuni (uno sfratto ogni 224 famiglie). Per l’Unione inquilini il dato reale è peggiore, e nel 2012 ci sarebbe stato uno sfratto ogni 75 famiglie in affitto.

Il fotografo Enrico Genovesi ha raccontato le storie delle persone che si trovano nella condizione di dover lasciare la loro casa o l’hanno già lasciata. Vivono nei centri di accoglienza o in immobili dismessi e occupati nel progetto Temporary home. Le foto sono state scattate a Livorno tra luglio e settembre del 2013.

pubblicità