L’ultimo abitante dell’isola di Kpogbor, Ghana, 2016. (Matilde Gattoni)

Sguardo sul clima

10 novembre 2017 16:16

Il 10 novembre comincia a Lugano, in Svizzera, la sesta edizione del LuganoPhotoDays, quest’anno dedicata al cambiamento climatico. Tra le mostre, che resteranno aperte fino al 19 novembre, ci sono EverydayClimateChange, un progetto ideato da James Whitlow Delano, Ocean rage della fotografa Matilde Gattoni e del giornalista Matteo Fagotto e Meraviglie polari: fotografie dagli estremi del mondo della fotografa ticinese Daisy Gilardini. Esposti anche i lavori dei vincitori dei diversi concorsi realizzati all’interno della manifestazione.

EverydayClimateChange è un lavoro fatto da quaranta fotografi provenienti da tutto il mondo. Cominciato su Instagram con l’obiettivo di raccontare le conseguenze del cambiamento climatico, si è poi trasformato in una mostra itinerante. Ocean rage documenta gli effetti sul paesaggio naturale e sulle comunità che abitano sulla costa dell’Africa occidentale, dal Ghana al Togo fino al Benin. Meraviglie polari: fotografie dagli estremi del mondo è invece una sezione di immagini realizzate da Daisy Gilardini nel corso di più di sessanta spedizioni in Artico e in Antartide, tra alcuni degli ecosistemi più fragili del pianeta.

Oltre alle mostre, il programma della manifestazione prevede una serie di incontri sul clima con fotografi ed esperti del settore.

pubblicità