Calabria, 1950-1970. (Marcella Pedone)

C’era una volta in Italia

16 luglio 2019 17:23

Dal 16 al 20 luglio si svolge la sedicesima edizione della festa del Cinema del reale, per la prima volta ospitata a Corigliano d’Otranto, in provincia di Lecce. La manifestazione è dedicata al documentario e in particolare a quelli realizzati da donne, sia del passato sia del cinema contemporaneo.

Quest’anno, in occasione del centenario della nascita di Marcella Pedone (Roma, 27 aprile 1919), il festival dedica una mostra di cento immagini che Pedone ha realizzato nell’arco di cinquant’anni di carriera come fotografa documentarista e tratte da un archivio di 170mila scatti.

“Pedone ha raccontato l’Italia del secondo dopoguerra con uno sguardo pionieristico e un approccio antropologico. A bordo della sua roulotte viveva tra le montagne, con i pescatori e i contadini. Tra la metà degli anni cinquanta e l’inizio degli anni sessanta Ferrania, l’azienda ligure produttrice di pellicola a colori, le affidò il compito di viaggiare per l’Italia alla ricerca di luoghi da usare nelle sue campagne promozionali. Con una cinepresa Bell&Howell, Pedone entra in quegli anni nel mondo prettamente maschile della produzione documentaria”, spiegano gli organizzatori della mostra.

Nelle sue immagini, fisse e in movimento, Pedone ha mostrato la natura, la società, le feste e le tradizioni dell’Italia del boom economico: “Pedone ha ritratto un’Italia minore, dove ha riconosciuto un forte valore identitario ai suoi riti collettivi, alle manifestazioni legate alla cultura popolare, che osserva con attenzione etnografica”, aggiungono.

Oltre alle foto di Pedone, il festival pugliese presenta una mostra dedicata alla fotografa Letizia Battaglia, che sarà presente alla manifestazione.

Leggi anche

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.