Uno squalo del genere Hemiscyllium. (Mark V. Erdmann, Conservation International)

Le notizie di scienza della settimana

Uno squalo del genere Hemiscyllium. (Mark V. Erdmann, Conservation International)
26 gennaio 2020 11:09
  • Il virus 2019-nCoV, comparso recentemente in Cina, nella città di Wuhan, si può trasmettere da persona a persona. Finora ha infettato 557 individui, causando 17 decessi. Il virus provoca una forma di polmonite.
  • Uno studio del dna, estratto da sepolture preistoriche in Camerun, mostra che la storia umana dell’Africa è molto complessa.
  • Alcuni insetti si nascondono meglio grazie ai colori iridescenti.
  • I gas che hanno provocato il buco dell’ozono in Antartide hanno anche accelerato il riscaldamento della regione artica.
  • Yarrabubba, in Australia, potrebbe essere il più antico cratere del pianeta.
  • I delta di molti fiumi si sono espansi negli ultimi decenni. Si pensa che il fenomeno sia dovuto all’erosione provocata dalle attività umane.
  • Un meccanismo nervoso potrebbe spiegare il legame tra stress e capelli bianchi.
  • Gli squali del genere Hemiscyllium camminano sui fondali, invece di nuotare. Uno studio ha scoperto che questi squali di piccola taglia si sono evoluti solo di recente.
  • Un fossile proveniente dalla Repubblica Democratica del Congo potrebbe contenere la traccia di un fungo, cresciuto circa 810-715 milioni di anni fa.
  • Dopo sedici anni di attività, il telescopio spaziale Spitzer è arrivato alla fine della sua missione.
  • Sciami di cavallette hanno colpito Etiopia, Kenya e Somalia, in Africa orientale. Sono considerati una minaccia per la sicurezza alimentare della regione.
  • L’azienda Memphis Meats, in California, vuole costruire un impianto pilota per la produzione di carne in provetta.
  • Il Bulletin of the Atomic Scientists ha spostato in avanti le lancette “dell’orologio dell’apocalisse”. Si sono infatti indeboliti gli strumenti destinati a contenere le minacce principali dell’umanità, quali le armi nucleari e il cambiamento climatico.
  • Un gruppo di ricercatori sta valutando che ruolo ha avuto il cambiamento climatico nei recenti incendi in Australia.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il nuovo album di Grimes è ambizioso ma riuscito a metà
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.