Il comico francese Dieudonné condannato per apologia del terrorismo

Un tribunale di Parigi ha ritenuto il comico colpevole di aver scritto scritto su Facebook: “Mi sento Charlie Coulibaly” all’indomani della strage nella redazione del giornale satirico

In stato di fermo il comico francese Dieudonné

14 gennaio 2015 09:31

Il comico francese Dieudonné M’bala M’bala è in stato di fermo per “apologia del terrorismo”. Il 12 gennaio la procura di Parigi aveva aperto un’inchiesta per apologia del terrorismo contro il comico.

L’11 gennaio, dopo la manifestazione di Parigi a cui aveva partecipato, Dieudonné ha scritto su Facebook di sentirsi “Charlie Coulibaly”, mettendo insieme il nome del giornale satirico colpito da un attentato e quello di uno dei terroristi, Amedy Coulibaly.

Dieudonné era già stato condannato un anno fa per antisemitismo. Bbc

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’offensiva di Haftar in Libia può contare sull’ambiguità della Francia
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.