Il leader curdo Abdullah Öcalan chiede la fine della lotta armata

28 febbraio 2015 15:10

Abdullah Öcalan, il leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), ha invitato i suoi sostenitori a mettere fine alla lotta armata che va avanti da trent’anni. In una dichiarazione letta in televisione da un parlamentare curdo, Öcalan ha detto di volere una “decisione storica” per raggiungere una “soluzione democratica”. Inoltre ha esortato il Pkk a indire un congresso speciale questa primavera con l’intenzione di fare una dichiarazione per mettere fine al conflitto.

Il leader è in carcere dal 1999 e sta scontando una condanna all’ergastolo per tradimento e attività separatista. Nel 2013 ha dichiarato un cessate il fuoco che regge nonostante le tensioni tra il Pkk e il governo di Ankara. Bbc

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il processo a Osman Kavala mette in gioco la credibilità della Turchia
Hugh Williamson
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.