Il governo riferisce in parlamento sulla morte del cooperante italiano Giovanni Lo Porto

Il medico statunitense Warren Weinstein e il cooperante italiano Giovanni Lo Porto sono morti a gennaio in un’operazione condotta dagli Stati Uniti contro Al Qaeda al confine tra il Pakistan e l’Afghanistan

L’ostaggio italiano Giovanni Lo Porto ucciso in un’operazione antiterrorismo

23 aprile 2015 15:54
Il cooperante italiano Giovanni Lo Porto.

Un cittadino statunitense e un cittadino italiano sono stati uccisi per errore a gennaio in un’operazione antiterrorismo condotta dai droni statunitensi al confine tra Afghanistan e Pakistan contro un compound di Al Qaeda. Lo ha dichiarato la Casa Bianca.

L’ostaggio italiano, secondo Washington, è il cooperante italiano Giovanni Lo Porto, rapito da Al Qaeda nel 2012 in Pakistan. L’ostaggio statunitense si chiama Warren Weinstein ed era stato rapito dal gruppo jihadista nel 2011.

La Casa Bianca sostiene anche che altri due cittadini statunitensi che si erano uniti ad Al Qaeda sono stati uccisi nel corso delle operazioni antiterrorismo nella stessa regione. Si tratta di Ahmed Farouq, ucciso nella stessa operazione in cui sono morti Lo Porto e Weinstein, e di Adam Gadahn, morto in un’operazione militare separata.

Il presidente Barack Obama, in una conferenza stampa, ha dichiarato che nell’operazione sono stati uccisi “pericolosi membri di Al Qaeda” e che l’esercito statunitense non sapeva che dentro il compound ci fossero i due ostaggi. Obama ha aggiunto che le informazioni sull’operazione militare saranno desecretate.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La Colombia sceglie una politica coraggiosa con i migranti
Dylan Baddour
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.