Più di 70mila burundesi fuggiti in Tanzania dopo le violenze nel paese

Decine di migliaia di persone sono scappate dal Burundi per sfuggire alle violenze scoppiate nel paese, dove il 13 maggio il generale Godefroid Nyombare ha condotto un tentativo di colpo di stato contro il presidente Pierre Nkurunziza. Almeno 70mila persone sono ospitate nei campi profughi in Tanzania, dove è scoppiata un’epidemia di colera

Epidemia di colera tra i profughi burundesi in Tanzania

18 maggio 2015 15:56

Il portavoce del ministro della sanità della Tanzania ha confermato lo scoppio di un’epidemia di colera nei campi profughi che ospitano più di 70mila burundesi in fuga dalle violenze nel paese dopo la candidatura del presidente Pierre Nkurunziza a un terzo mandato. L’Alto commissariato per i diritti umani aveva già denunciato i casi di sette persone morte per il virus e centinaia di contagiati nei campi vicino a Kigoma, nell’ovest del paese, e a Kagunga, al confine con il Burundi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il traditore e gli altri film della settimana
Piero Zardo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.