30 maggio 2015 19:02

La Nigeria è stata colpita da una nuova serie di attentati del gruppo terroristico Boko haram, ad appena un giorno dall’insediamento di Muhammadu Buhari come nuovo capo di stato del paese. Buhari aveva vinto le elezioni a marzo.

Un presunto attentatore suicida si è fatto esplodere all’interno di una moschea a Maiduguri, una città nel nord del paese, uccidendo almeno dieci persone. Inoltre i combattimenti tra esercito e ribelli affiliati al gruppo Boko haram sono andati avanti tutta la notte tra il 29 e il 30 maggio in alcune zone della città.

Muhammadu Buhari durante il suo discorso d’insediamento, il 29 maggio, ha promesso che la lotta al terrorismo sarà la priorità del suo governo. Il presidente ha annunciato che sarà trasferito proprio a Maiduguri il centro di coordinamento dell’esercito per gestire meglio la controffensiva verso il gruppo terroristico di matrice jihadista, che si è affiliato al gruppo Stato islamico. Ma la risposta di Boko haram non si è fatta attendere, nella notte tra il 29 e il 30 maggio la capitale dello stato di Borno, Maiduguri, è stata colpita da una nuova offensiva. I miliziani hanno lanciato un razzo che ha colpito una casa e ha ucciso almeno cinque persone. Il 29 maggio due bombe sono esplose a Tashan Alade, una città nello stato di Borno, uccidendo almeno sette persone.

L’insurrezione dei jihadisti di Boko haram ha causato 15mila morti dal 2009 e ha prodotto 1,5 milioni di profughi.