07 giugno 2015 17:18
Membri delle milizie di autodifesa dello stato di Guerrero a Tixtla, in Messico, durante una manifestazione dei parenti dei 43 studenti scomparsi a settembre 2014. (Jorge Dan Lopez, Reuters/Contrasto)

I messicani oggi hanno cominciato a votare per le elezioni legislative. Ma nel paese la tensione resta alta, soprattutto nello stato di Guerrero. Il governo ha schierato in modo massiccio le forze dell’ordine, per garantire la regolarità del voto, minacciata soprattutto dalle mobilitazioni degli insegnanti, che protestano contro la riforma dell’istruzione e hanno minacciato di bloccare il voto.

Nonostante la presenza della polizia, nella città di Tixtla i contestatori, ai quali si sono uniti i genitori dei 43 studenti scomparsi nel settembre 2014 a Iguala, hanno costretto tre seggi alla chiusura e dato fuoco alle schede elettorali.

Alla vigilia del voto, sempre nello stato di Guerrero, degli scontri tra membri di milizie di autodifesa hanno provocato almeno dieci morti. Lo ha annunciato la commissione dei diritti umani.