11 giugno 2015 12:47

L’ex capo della sicurezza in Cina, Zhou Yongkang, è stato condannato all’ergastolo per corruzione, abuso di potere e divulgazione volontaria di segreti di stato. Zhou, che ha lasciato il suo incarico nel 2012, era la massima autorità per la sicurezza in Cina. Zhou Yongkang è il funzionario più alto in grado mai incriminato dai tempi della Rivoluzione culturale. Durante la scorsa legislatura (2007-2012) era uno dei nove componenti del Comitato permanente del politburo, l’organo che di fatto guida il paese e il suo miliardo e 400 milioni di abitanti. Le indagini su di lui sono cominciate nel 2013 con la presidenza di Xi Jinping e nel dicembre del 2014 è stato espulso dal Partito comunista cinese. Il processo di Zhou è gestito dal tribunale di Tianjin, una città portuale nel nord del paese, e si è svolto a porte chiuse. Secondo Xinhua, Zhou Yongkang non farà appello.