Quinto giorno a Ventimiglia per i migranti, il papa chiede perdono per chi chiude la porta 

Circa cento migranti hanno passato un’altra notte sulla scogliera di Ponte san Ludovico e si preparano al quinto giorno di proteste alla frontiera bloccata dalle autorità francesi. Intanto il papa è intervenuto sul tema dell’immigrazione, chiedendo di pregare per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca aiuto

Sgomberati i migranti accampati davanti alla stazione Tiburtina, a Roma 

11 giugno 2015 18:58

La polizia è andata a sgomberare gruppi di migranti che erano accampati di fronte alla stazione Tiburtina, a Roma. La maggior parte dei migranti è scappata per non farsi identificare, ma diciotto eritrei sono stati portati a forza all’ufficio immigrazione. In centinaia erano accampati davanti alla stazione, dormendo su cartoni, in attesa di poter proseguire il viaggio verso il nord Europa, senza sapere che fino al 15 giugno le frontiere resteranno chiuse a causa della sospensione degli accordi di libera circolazione in occasione del G7 che si è svolto dal 6 all’8 giugno in Germania. Tra loro c’erano anche donne incinte, bambini e minorenni. Nei giorni scorsi, la Croce rossa italiana li aveva assistiti distribuendo pasti e kit sanitari.

Da quando l’11 maggio scorso è stato sgomberato l’insediamento a Ponte Mammolo, molti migranti non hanno più un posto dove appoggiarsi a Roma in attesa di proseguire il viaggio verso nord.


Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Nella terra dei migranti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.