Arrestato a Londra il capo dei servizi segreti del Ruanda

23 giugno 2015 11:26

Il capo dei servizi segreti del Ruanda, Karenzi Karake, ricercato in Spagna per crimini di guerra, è stato arrestato a Londra sulla base di un mandato di arresto europeo. La polizia lo ha fermato all’aeroporto di Heathrow il 20 giugno. Comparirà in tribunale oggi. Karake, 54 anni, è accusato di avere ordinato diversi massacri quando era a capo dei servizi segreti militari tra il 1994 e il 1997. Nel 2008 la Spagna lo ha accusato di avere ordinato l’uccisione di tre operatori umanitari spagnoli che lavoravano per l’organizzazione Médicos del mundo, nel gennaio del 1997.

Tra aprile e giugno del 1994 circa ottocentomila persone sono state uccise dagli estremisti dell’etnia hutu, in particolare i membri della minoranza tutsi e gli hutu moderati. Un tribunale spagnolo ha accusato quaranta leader politici e militari, tra cui Karake, di avere preso parte a rappresaglie avvenute dopo la fine del genocidio e proseguite fino al 1997. I quaranta accusati devono rispondere di genocidio, crimini contro l’umanità e azioni di terrorismo, che hanno provocato la morte di centinaia di migliaia di persone.

Karake è un esponente di rilievo del Fronte patriottico ruandese, al potere nel paese. È stato anche vicecomandante della missione di peacekeeping delle Nazioni Unite nella regione del Darfur, in Sudan, fino al 2009. Si trovava nel Regno Unito per affari e aveva già visitato il paese in diverse occasioni.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

C’era una volta in Italia
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.