La presidenza è più lontana per Aung San Suu Kyi

25 giugno 2015 15:08

Il parlamento della Birmania ha votato contro gli emendamenti alla costituzione, consentendo ai militari di mantenere il potere di veto e annullando la possibilità della leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991, di essere eletta presidente. La proposta ha ottenuto 388 voti a favore su un totale di 664 parlamentari e non è riuscita a superare la soglia del 75 per cento necessaria per l’approvazione.

Il voto ha messo fine a un dibattito durato tre giorni per apportare delle modifiche alla costituzione approvata nel 2008 dalla giunta militare, che garantisce all’esercito di mantenere la sua influenza sul governo. In base alla costituzione, i militari detengono di diritto il 25 per cento dei seggi in parlamento e hanno il potere di porre il veto su qualunque emendamento alla costituzione.

Il voto ha respinto due modifiche alla costituzione. La prima prevedeva di abbassare la soglia necessaria per approvare le modifiche alla costituzione dal 75 al 70 per cento, cancellando di fatto il potere di veto dei militari. In questo modo si sarebbe spianata la strada a ulteriori modifiche della costituzione. La seconda prevedeva di cancellare il divieto a chiunque fosse sposato con uno straniero o avesse figli cittadini di paesi stranieri di diventare presidente. Un provvedimento ritagliato su misura per impedire ad Aung San Suu Kyi, che è stata sposata con un britannico da cui ha avuto due figli, di correre per la presidenza. Le elezioni presidenziali sono previste per ottobre o novembre.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Controllo bagagli
Le regole
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.