15 luglio 2015 16:43
La manifestazione dei sindacati il primo maggio a Londra. (Dan Kitwood, Getty Images)

Nel Regno Unito il governo conservatore di David Cameron ha proposto una legge per limitare il diritto di sciopero. Si tratta di una delle più pesanti riforme dei sindacati degli ultimi trent’anni e sta suscitando molte polemiche.

La riforma, i cui dettagli saranno presentati oggi, prevede pene più severe per chi partecipa alle manifestazioni illegali e permetterà alle aziende di assumere personale temporaneo in caso di sciopero. Nick Boles, ministro dell’industria e dell’innovazione, ha difeso la proposta di legge, parlando alla Bbc: “Tutto quello che stiamo cercando di fare è trovare un equilibrio tra gli interessi dei sindacati e gli interessi delle persone che cercano di arrivare in orario al lavoro”.

Secondo Boles, “gli scioperi degli ultimi anni sono andati ben oltre il diritto di sciopero come lo sciopero di ventiquattr’ore dei macchinisti della metropolitana di Londra”. Le candidate alla leadership laburista, Yvette Cooper e Liz Kendall, hanno definito la proposta di legge “un attacco spregevole alle organizzazioni che difendono i diritti dei lavoratori”.

Il governo ha detto che la norma sarà adottata a causa degli scioperi indiscriminati del settore pubblico degli ultimi tempi: dalla metropolitana alla scuola. Ma alcuni come il leader del sindacato dei macchinisti Mick Whelan hanno definito la norma un ricordo delle misure imposte ai lavoratori “dalla Germania nazista”.

Ecco cosa prevede la proposta per punti:

  • Nel caso di servizi pubblici come la scuola e i trasporti, lo sciopero potrà essere proclamato solo se il 40 per cento dei lavoratori vota a favore dello sciopero. I settori a cui potrebbe essere applicata questa norma sono: i trasporti, le scuole, i vigili del fuoco, la polizia e il settore energetico.
  • Sarà stabilita una soglia di affluenza del 50 per cento al voto per proclamare lo sciopero. Attualmente non è richiesto alcun livello di affluenza dei tesserati.
  • Partecipare ai picchetti e alle manifestazioni non autorizzate sarà un reato, e saranno previste delle forme di protezione per chi non aderisce allo sciopero.
  • I datori di lavoro potranno assumere personale delle agenzie interinali dopo quattro mesi di sciopero e il sindacato dovrà dare un preavviso di almeno due settimane al datore di lavoro prima che lo sciopero venga avviato.
  • Il governo potrà fissare dei limiti alle ore di permessi sindacali per i delegati del settore pubblico.
  • Il governo avrà il potere di fare una multa fino a 20mila sterline ai sindacati che non rispettano le regole sul diritto di sciopero e potrà aprire indagini sull’attività del sindacato. Il sindacato dovrà fare un’audizione annuale su picchetti e manifestazioni.
  • Inoltre ogni cinque anni verrà chiesto ai lavoratori a quale partito politico vogliono versare l’imposta dei sindacati.