07 agosto 2015 11:01

I jihadisti dello Stato islamico hanno rapito 230 civili nella città di Al Qaryatain, in una regione centrale della Siria, conquistata il 5 agosto al termine di violenti scontri con le truppe governative. Lo afferma l’Osservatorio siriano per i diritti umani, l’associazione vicina ai ribelli che ha sede nel Regno Unito.

“Lo Stato islamico ha rapito almeno 230 persone, tra cui almeno 60 cristiani, in una retata ad Al Qaryatain”, ha detto il direttore dell’ong Rami Abdel Rahman, ricordando che molte persone di fede cristiana avevano cercato rifugio nella città dopo essere fuggiti dalla provincia di Aleppo.

Al Qaryatain è una città d’importanza strategica per lo Stato islamico perché si trova lungo la strada che collega la città di Palmira, conquistata dai jihadisti lo scorso maggio, con la regione di Qalamun, nella provincia di Damasco.