Poliziotti a San Bernardino, in California, il 2 dicembre 2015. (Mario Anzuoni, Reuters/Contrasto)

Cosa sappiamo della sparatoria a San Bernardino

Poliziotti a San Bernardino, in California, il 2 dicembre 2015. (Mario Anzuoni, Reuters/Contrasto)
03 dicembre 2015 10:41

Il 2 dicembre una sparatoria a San Bernardino, in California, ha causato 16 morti, tra cui i due aggressori, e 17 feriti. Ecco cosa sappiamo finora della vicenda:

  • Verso le 11 (le 20 in Italia) un uomo e una donna, Syed Rizwan Farook, 28 anni e Tashfeen Malik, 27 anni, sono entrati nell’Inland regional center, un centro per l’assistenza alle persone disabili, armati con fucili d’assalto e pistole semiautomatiche. Hanno aperto il fuoco e ucciso 14 persone. Le vittime non sono state ancora identificate.
  • Dopo la sparatoria, i due sospetti sono fuggiti a bordo di un suv. La polizia li ha raggiunti quattro ore dopo nella vicina città di Redlands. Nella sparatoria che è seguita Farook e Malik sono morti e un agente è rimasto ferito. I due aggressori erano sposati, stando a testimonianze raccolte dalle forze dell’ordine.
  • Una terza persona è stata arrestata ma non è chiaro se sia coinvolta oppure no nell’attacco.
  • Syed Rizwan Farook, cittadino statunitense e ispettore ambientale, aveva lavorato per cinque anni al dipartimento della salute della contea di San Bernardino. La mattina del 2 dicembre aveva partecipato a una festa nell’Inland regional center e, secondo alcuni testimoni, se n’era andato “arrabbiato” dopo un litigio, prima di tornare armato insieme a Malik.
  • Le forze dell’ordine sostengono che l’attacco era pianificato e hanno trovato alcune bombe artigianali dentro l’Inland regional center. Il capo della polizia di San Bernardino ha dichiarato: “Non abbiamo un movente. Non abbiamo informazioni sufficienti per dire che si tratti di terrorismo nel senso tradizionale del termine. Come minimo si tratta di un caso di terrorismo interno”.
  • Questa è la sparatoria più grave avvenuta in territorio statunitense dal massacro nella scuola Sandy Hook di Newtown, in Connecticut, avvenuto nel dicembre 2012.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Sicurezza a tutti i costi
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.