Due ex sindaci ruandesi condannati all’ergastolo in Francia per genocidio.

07 luglio 2016 09:01

Due ex sindaci ruandesi condannati all’ergastolo in Francia per genocidio. Un tribunale parigino ha riconosciuto Tito Barahira e Octavien Ngenzi colpevoli di genocidio e crimini contro l’umanità per il ruolo svolto nel massacro di duemila tutsi in una chiesa a Kabarondo, nell’est del Ruanda, nel 1994. Nel 2014 il comandante militare ruandese Pascal Simbikangwa era stato condannato a 25 anni di carcere per le sue responsabilità nel genocidio.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.