22 ottobre 2016 15:09

Un tribunale egiziano conferma la condanna a vent’anni di carcere per l’ex presidente Mohamed Morsi. Si tratta del primo verdetto finale nei confronti dell’ex presidente islamista riguardante il suo coinvolgimento nell’uccisione di manifestanti nelle proteste del 2012. Il primo presidente egiziano democraticamente eletto è accusato anche in altri processi per aver cospirato con il gruppo militante palestinese Hamas per destabilizzare l’Egitto e per aver organizzato un’evasione durante le rivolte del 2011 contro l’allora presidente Hosni Mubarak.