01 novembre 2016 10:23

Decine di migliaia di sfollati dopo il terremoto del 30 ottobre nell’Italia centrale. La forte scossa di magnitudo 6,5 del 30 ottobre con epicentro tra Umbria, Marche e Lazio è stata seguita da numerose repliche, tra cui una di magnitudo 4,2 alle 4.27 con epicentro a Perugia. Il terremoto non ha causato morti, ma una ventina di feriti. Ci sono stati crolli in un centinaio di comuni e si stima che gli sfollati siano almeno 40mila: 25mila nelle Marche, tra i diecimila e i quindicimila in Umbria, duemila nel Lazio e mille in Abruzzo. Ottomila persone sono state ospitate in alberghi. Le conseguenze del sisma si fanno sentire anche a Roma, dove è stata chiusa anche l’università Sapienza per fare alcune verifiche.