In Uganda la polizia arresta un sovrano locale dopo gli scontri che hanno causato 62 morti.

28 novembre 2016 10:24

In Uganda la polizia arresta un sovrano locale dopo gli scontri che hanno causato 62 morti. Charles Wesley Mumbere, re di Rwenzururu, nell’ovest dell’Uganda, è stato arrestato il 27 novembre e il suo palazzo perquisito da agenti della sicurezza dopo gli scontri che nel fine settimana hanno causato la morte di 62 persone, tra membri della guardia reale, militanti separatisti e poliziotti ugandesi. Secondo il governo, Charles Wesley Mumbere dà ospitalità a una milizia separatista, che chiede la creazione di uno stato indipendente a cavallo tra l’Uganda e la Repubblica Democratica del Congo.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il traditore e gli altri film della settimana
Piero Zardo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.