Sessanta morti durante una rivolta in un carcere di Manaus, in Brasile.

02 gennaio 2017 19:16

Sessanta morti durante una rivolta in un carcere di Manaus, in Brasile. La sera di domenica 1 gennaio è scoppiata una rivolta nel complesso carcerario Anísio Jobim di Manaus, nello stato di Amazonas. Le autorità sono riuscite a ristabilire l’ordine solo dopo 17 ore. Almeno sessanta le vittime, alcune delle quali sono state decapitate. All’origine della sommossa uno scontro tra bande per il controllo del traffico di droga all’interno del complesso penitenziario.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La trappola del tempo
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.