Il presidente del Gambia non si è dimesso nonostante la scadenza dell’ultimatum del Senegal.

19 gennaio 2017 13:14

Il presidente del Gambia non si è dimesso nonostante la scadenza dell’ultimatum del Senegal. Il presidente gambiano Yahya Jammeh, ​sconfitto alle elezioni di dicembre, avrebbe dovuto lasciare il suo incarico il 19 gennaio, ma il parlamento ha esteso il suo mandato di tre mesi e ha approvato lo stato di emergenza. Migliaia di persone stanno lasciando il paese per timore di un’ondata di repressione e di violenza, mentre sale la tensione con gli altri paesi dell’Africa occidentale. Il Senegal ha cominciato a inviare truppe lungo il confine con il Gambia, minacciando di invadere il paese, ma Jammeh non si è dimesso nonostante l’ultimatum scadesse a mezzanotte. Si è invece dimesso la vicepresidente, Isatou Njie Saidy. Adama Barrow, che ha vinto le presidenziali, presterà giuramento in Senegal.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le Mans 66 e gli altri film del weekend
Piero Zardo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.