L’uomo arrestato per l’attacco al pullman del Borussia Dortmund non era un terrorista ma uno speculatore finanziario

21 aprile 2017 14:00

L’uomo arrestato per l’attacco al pullman del Borussia Dortmund non era un terrorista ma uno speculatore finanziario. Il ventottenne di doppia nazionalità russa e tedesca Sergey W arrestato in relazione all’attacco con esplosivi contro l’autobus del Borussia Dortmund l’11 aprile è sospettato di aver orchestrato l’attentato per speculare a ribasso contro le azioni del club sportivo. Per depistare la polizia, l’uomo ha poi lasciato sul luogo dell’incidente tre dichiarazioni identiche che rivendicavano l’attacco a nome del gruppo Stato islamico (Is). L’autenticità dei documenti era però stata messa in discussione da un panel di esperti poco dopo l’attacco. Le forze dell’ordine tedesche sono alla ricerca di due complici.

pubblicità

Articolo successivo

Alla ricerca di una patria
Amira Hass